fbpx

I brand di lusso italiani si servono ora di WeChat e WeChat Pay

04/07/2018

 

Il Luxury District di Milano diventa il primo in Europa a lanciare l’account ufficiale di WeChat

 

 

Secondo quanto riportato dalla rivista italiana Fashion Network, il quartiere dello shopping più lussuoso di Milano rivendica la prima area retail in Europa per il lancio di un account ufficiale WeChat.

Il famoso Quadrilatero della Moda – il quartiere della moda di Via Montenapoleone – è il cuore dello shopping di lusso a Milano e ospita oltre 150 marchi di alta gamma. L’account è stato creato dalla società di marketing digitale italiana Retex, la società madre di Digital Retex, che è diventata partner ufficiale europeo di WeChat nel 2016.

Al fine di creare un canale dedicato a consumatori e turisti cinesi, gli utenti potranno finalmente acquistare servizi e effettuare pagamenti online tramite WeChat Pay, aiutando il Quadrilatero della Moda a espandere la propria base di consumatori in Cina.

 

Il Distretto di Montenapoleone è ora attivo su WeChat, tuttavia, al momento della pubblicazione, non ci sono ancora attualmente contenuti nell’account.

 

Secondo un rapporto di maggio della società di rimborso delle tasse turistiche Global Blue, dal 2016 al primo trimestre del 2018, lo shopping esentasse dei consumatori cinesi ha mostrato una marcata crescita nell’area Quadrilatero: 31,2% nel 2016, 33,4% nel 2017 e 33,5 % nel primo trimestre del 2018.

Anche l’ammontare totale di acquisti esentasse da parte dei consumatori cinesi in Italia ha mostrato una rapida crescita, rappresentando il 30,5% del rimborso della tassa per lo shopping in Italia nel 2018, rispetto al 29,6% del 2016.

Fausto Caprini, CEO di Retex S.P.A, sottolinea l’importanza dei clienti cinesi del lusso in tutto il mondo: “I consumatori cinesi possono essere considerati un punto di riferimento nel settore della moda e del lusso, pari a circa il 30% del consumo globale”, secondo un rapporto Luxe.co.

 

Accanto a Milano, altri distretti di lusso in Europa hanno considerato la necessità di utilizzare WeChat per espandere la propria base di consumatori cinesi.

 

Il CEO di New West End di Londra, Jace Tyrrell, ha spiegato ad aprile che “il nostro obiettivo è che entro i prossimi 18 mesi il 50% di tutti i negozi di lusso nell’area realizzerà soluzioni di pagamento mobile. Molti dei marchi più famosi hanno installato WeChat Pay.”

Nonostante ciò, secondo Secoo / Deloitte’s China Luxury Report, il 64% dei cinesi tra i 20 ei 30 anni preferisce ancora acquistare il lusso nei negozi fisici tradizionali. Come riportato da McKinsey, nel 2017 solo l’8% delle vendite di lusso è stato acquistato esclusivamente online da parte dei consumatori cinesi.

Tuttavia, il 70% di tutte le vendite è stato influenzato in qualche modo dalla presenza online di un marchio.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *