fbpx

Huawei punta sul cloud computing: sfida lanciata ad Amazon e Alibaba

19/09/2019

 

Per accelerare il processo, la società cinese è pronta a stanziare ben $ 1,5 miliardi per reclutare sviluppatori di software

 

 

La Huawei Technologies si sta preparando per affrontare i suoi concorrenti statunitensi e cinesi nel settore del cloud computing, svelando quello che sostiene sia il centro chipset di elaborazione dati AI più veloce al mondo. Al fine di ottimizzare tale processo, la società cinese è pronta a stanziare ben $ 1,5 miliardi per reclutare sviluppatori di software.

La nuova impresa della più grande azienda tecnologica cinese competerà con le società statunitensi Amazon e Google, oltre alle cinesi Alibaba e Tencent, e nascerà nel mezzo di un crescente controllo da parte di Washington che potrebbe vedere Huawei perdere l’accesso alla tecnologia e al codice degli Stati Uniti.

 

 

Il cloud computing è fondamentale per lo sviluppo di queste future tecnologie avanzate

 

 

Sebbene Huawei sia il più grande produttore di apparecchiature di telecomunicazione al mondo e il secondo produttore di smartphone, il mondo del cloud computing è ancora inesplorato per l’azienda che vi si è affacciata solo due anni fa. Ken Hu, volto di spicco nella dirigenza Huawei, ha svelato in una conferenza quello che ha affermato essere il cluster di addestramento AI più veloce al mondo, l’Atlas 900, che combina la potenza di migliaia dei suoi processori Ascend.

Tali potenti sistemi di addestramento all’IA potrebbero non solo aiutare ad affrontare problemi complessi come l’astronomia e la ricerca spaziale, ma anche aiutare la Cina a costruire supercomputer“, ha detto Hu. Pechino, del resto, ha dato la priorità all’esplorazione dello spazio e ai supercomputer mentre la Cina si fa strada tra gli Stati Uniti per diventare la prossima superpotenza tecnologica del mondo.

Il cloud computing – che utilizza una rete di server remoti per archiviare, gestire ed elaborare i dati, piuttosto che un server o un PC locale – è fondamentale per lo sviluppo di queste future tecnologie avanzate.

 

 

Huawei è pronta a tuffarsi nel nuovo mercato, nonostante le opposizioni che arrivano dagli USA

 

 

Hu ha confermato che Huawei spenderebbe altri $ 1,5 miliardi nei prossimi cinque anni per espandere la base di sviluppatori dell’azienda a 5 milioni. L’aumento della spesa, che segue il 1 miliardo di dollari promesso nel 2015, arriva dopo una serie di sanzioni da parte dell’amministrazione Trump sulla vendita della tecnologia americana a Huawei.

Washington ha infatti accusato Huawei di aver favorito lo spionaggio cinese e le sanzioni potrebbero vedere Huawei perdere l’accesso al software Google che ha utilizzato sui suoi telefoni.

Huawei – che possiede una consolidata attività hardware per server di data center tanto da competere con HP, Dell e Lenovo Group – si colloca al quinto posto a livello globale, con circa il 6% della quota di mercato globale per spedizione nel 2018. Tuttavia, il suo servizio di cloud computing, che funziona su server, è ancora relativamente piccolo.

 

 

La quota di mercato di Huawei nel cloud computing è appena superiore al 5%

 

 

In Cina, la quota di mercato del cloud computing di Huawei era del 5,2% circa nel primo trimestre del 2019, secondo i dati IDC, mentre Alibaba Group Holding, Tencent Holdings, China Telecom e Amazon Web Service rappresentavano rispettivamente il 43%, 12,3%, 7,3%, e 7,2%.

A livello globale, Amazon, Microsoft e Google controllano oltre il 56% del mercato cloud, secondo i dati del 2018 dell’agenzia di ricerca Canalys. Alibaba, il principale fornitore di servizi cloud della Cina, deteneva una quota di mercato del 4,2%.

Inoltre, i server dei data center di Huawei e il business dei servizi di cloud computing sono entrambi in Cina, che secondo gli analisti limiterebbero il loro fascino all’estero nonostante le ambizioni globali dell’azienda.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *