fbpx

La Cina sempre forte nel settore dei veicoli elettrici

15/01/2019

 

Il settore cinese dei veicoli elettrici è pronto per diventare un punto di riferimento per gli investimenti di tutto il mondo

 

 

La Cina si posiziona come il punto caldo per gli investimenti mondiali nei veicoli elettrici, con circa il 45% della spesa totale di $ 300 miliardi, stimata da Reuters, destinata alla Cina nei prossimi cinque-dieci anni.

L’agenzia di stampa ha anche riportato che 67,8 miliardi di dollari dell’investimento in Cina provengono dalla Germania, e gli operatori cinesi del mercato investiranno $ 57 miliardi nel proprio settore dei veicoli elettrici.

 

“Il futuro di Volkswagen sarà deciso nel mercato cinese”, ha affermato Herbert Diess, amministratore delegato della casa automobilistica tedesca Volkswagen. “I politici e i regolatori richiedono un passaggio ai veicoli elettrici”.

 

Lo scorso ottobre, SAIC Volkswagen ha aperto il terreno per la sua prima fabbrica di veicoli elettrici a Shanghai, con un investimento complessivo di 17 miliardi di yuan ($ 2,45 miliardi).

La nuova industria cinese dei veicoli ad energia elettrica ha incrementato gli investimenti, l’occupazione e le entrate fiscali e l’investimento complessivo nell’intera catena automobilistica superando i 2 trilioni di yuan. Lo ha raccontato Miao Wei, ministro dell’Industria e dell’Information Technology, durante un forum tenutosi sabato.

Nel 2018, il volume di produzione e di vendita per il nuovo settore dei veicoli energetici della Cina era rispettivamente di 1,27 milioni di unità e 1,26 milioni di unità, con un aumento del 59,9% e del 61,7% su base annua, secondo l’Associazione cinese dei costruttori automobilistici.

 

Un sistema di fondi per i veicoli elettrici, a disposizione tramite crediti e incentivi, sono le misure del paese per promuoverne la produzione e la vendita, stando a quanto riferito da Reuters.

 

Secondo Miao, i dipartimenti competenti stanno lavorando sulla nuova politica di sussidi ai veicoli energetici per il 2019, e il principio generale è quello di assicurarsi che l’industria non subisca forti fluttuazioni, quando tutte le sovvenzioni saranno eliminate gradualmente entro la fine del 2020.

Miao ha anche detto che in futuro le politiche fiscali saranno ottimizzate per assicurare la crescita costante del settore, tra cui la produzione e pubblicazione di requisiti di credito proporzionale per i nuovi veicoli energetici entro il 2021-2023, il miglioramento della politica di credito e la preparazione per la fase post-sussidio.

Li Ye, direttore esecutivo generale per la regolamentazione della National Energy Administration della Cina, ha detto che il dipartimento promuoverà la costruzione di infrastrutture di rifornimento, compresi modelli di business innovativi per la ricarica e la ricerca e sviluppo di tecnologie avanzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *