fbpx

La Cina stila una lista di enti non affidabili per tutelare il commercio

01/06/2019

 

Il MOC pubblicherà una lista di organizzazioni e imprese che non rispettano le regole del mercato danneggiando il commercio e l’economia cinese

 

 

La Cina stabilirà un elenco di enti non affidabili basato su leggi e regolamenti pertinenti, secondo quanto dichiarato dal Ministero del Commercio (MOC) di venerdì. Le imprese straniere, le organizzazioni e gli individui che non rispettano le regole del mercato, violano i contratti, bloccano o tagliano le forniture alle imprese cinesi con scopi non commerciali e danneggiano seriamente i diritti e gli interessi legittimi delle imprese cinesi, saranno aggiunti all’elenco di enti inaffidabili.

 

Lo ha dichiarato Gao Feng, un portavoce del MOC, sottolineando che saranno annunciate presto le misure dettagliate.

 

Il governo cinese ha deciso di stabilire l’elenco per salvaguardare la sicurezza nazionale, gli interessi pubblici  e i legittimi diritti e interessi delle imprese cinesi, ha aggiunto. La decisione è stata presa in linea con la legge cinese sul commercio estero, la legge anti-monopolio, la legge sulla sicurezza dello stato e altre leggi e regolamenti correlati, stando sempre a quanto dichiarato dal portavoce.

L’elenco comprenderà personalità giuridiche straniere e altre organizzazioni o individui che, a titolo non commerciale, hanno adottato misure discriminatorie nei confronti di entità cinesi, hanno arrecato danni reali alle imprese cinesi e alle industrie collegate e hanno posto minacce reali o potenziali alla sicurezza dello stato cinese, secondo Gao.

 

Violando le normali regole di mercato o contratti a scopi non commerciali, alcune entità straniere hanno adottato misure discriminatorie nei confronti di imprese cinesi incluso un blocco o un taglio dell’offerta che ha danneggiato i diritti e gli interessi legittimi delle compagnie cinesi e messo a repentaglio la sicurezza nazionale e gli interessi della Cina.

 

In questo modo, le entità straniere hanno anche minacciato la sicurezza dell’industria globale e della catena di approvvigionamento, hanno inferto un duro colpo all’economia globale e danneggiato gli interessi delle imprese e dei consumatori collegati, ha aggiunto.

La decisione di stabilire la lista mira a sostenere le regole internazionali dell’economia e del commercio, nonché il sistema commerciale multilaterale e a combattere l’unilateralismo e il protezionismo commerciale, ha detto Gao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *