fbpx

Mobike elimina i depositi in diverse città della Cina

05/07/2018

 

Mobike ha testato la scelta a Hefei, Hangzhou, Dongguan, per poi estendere la cosa ovunque

 

 

Mobike, la società di bike sharing che risponde a Meituan, ha rimosso i depositi per tutti gli utenti in Cina, nel tentativo di standardizzare il proprio sistema di deposito.

A maggio la compagnia ha iniziato a provare giri senza deposito a Hefei, Hangzhou, Dongguan e in altre città. L’area di prova è stata quindi estesa a un centinaio di aree in tutto il paese, comprese le città di secondo e terzo livello. Un certo numero di città di primo livello, tuttavia, sono state escluse dal processo.

 

 

La mossa potrebbe rendere l’azienda più competitiva nella battaglia contro il suo rivale ofo

 

 

Gli utenti già attivi, per correttezza, potranno addirittura richiedere il rimborso dei loro depositi. Secondo un rappresentante Mobike, se viene visualizzato un avviso nell’app quando si tenta di utilizzare la piattaforma dopo essere stato rimborsato, è necessario aggiornare l‘app. Se è aggiornato, il server sta dando un vecchio messaggio e lo sharing senza deposito funzionerà comunque.

La mossa potrebbe rendere l’azienda più competitiva nella battaglia per la quota di mercato contro il suo principale rivale ofo.

I sistemi di deposito all’interno delle applicazioni di bike sharing sono stati un argomento controverso negli ultimi anni. Prima di essere rilevato da Didi, il vice-CEO di Bluegogo Hu Yufei aveva ammesso che i depositi erano parte del budget operativo della società.

 

 

Mobike ha anche annunciato programma per riciclare componenti da biciclette ormai dismesse

 

 

Mobike, dal canto suo, ha anche annunciato l’integrazione del noleggio bici nella piattaforma Meituan, una nuova flotta di e-bike per estendere la gamma di trasporti per i suoi utenti ed un programma per riciclare componenti da biciclette ormai dismesse.

I rifiuti creati dalle biciclette fuori servizio sono stati, infatti, motivo di preoccupazione negli ultimi mesi. È stato anche rivelato che in alcuni casi le biciclette erano state deliberatamente danneggiate. A Chengdu fu addirittura trovato un cimitero di biciclette contenente centinaia di biciclette rotte.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *