fbpx

Xi Jinping promuove la Cina come leader in scienza e tecnologia

05/06/2018

 

Il presidente richiede impegno alla Cina per il progresso del paese, affinché si affermi come leader mondiale nel campo della scienza e della tecnologia

 

 

La Cina deve continuare la sua strada nella ricerca ed ergersi, in un futuro quanto prossimo, come un esempio di innovazione e leader globale sotto alcuni settori. Questo è quanto si auspica il Presidente Xi Jinping. Già nell’autunno dell’anno scorso – in occasione della Sessione Plenaria del PCC e a marzo 2018 all’indomani dell’avvio dei lavori della “Doppia Sessione” – il Presidente cinese aveva espresso lo stesso concetto.

Innovare non significa solo cambiare il Paese, al contrario, è il nucleo delle riforme economico-strutturali portate avanti dalla Repubblica Popolare. “La Cina si impegna in un disegno di crescita costante, ha bisogno di dedicare molte energie alla promozione della scienza e della tecnologia e sforzarsi di essere al centro del mondo dell’innovazione”,

Con questa dichiarazione, avvenuta all’apertura del 19° Incontro degli Accademici dell’Accademia Cinese delle Scienze (CAS) e del 14 ° Incontro degli Accademici dell’Accademia Cinese di Ingegneria (CAE), ha introdotto l’illustrazione delle missioni urgenti del paese.

Ha invitato quindi il personale scientifico e tecnologico del paese a cogliere le principali tendenze, ma anche le opportunità, in un discorso motivante in cui i problemi da affrontare senza paura sono sfida e opportunità stessa.

 

Xi ha motivato scienziati e tecnici ad assumersi le pesanti responsabilità conferite dalla storia, mantenendosi all’avanguardia nel contesto innovativo che rappresenta la nuova era.

 

I membri del Comitato Permanente dell’Ufficio Politico del Comitato Centrale CPC presenti alla riunione erano il Primo Ministro Li Keqiang, Wang Huning, che è membro del Segretariato del Comitato Centrale CPC, e il Vice Premier Han Zheng. Un chiaro esempio di come Xi Jinping voglia che l’intera leadership prenda a cuore l’innovazione del Dragone.

Il Presidente ha osservato che dal 18° Congresso Nazionale CPC nel 2012, la Cina ha aderito alla leadership del Partito sulla causa della scienza e della tecnologia, cercando di raggiungere lo scopo di portare sviluppo in Cina tramite il raggiungimento di un potere scientifico e tecnologico.

Ciò è avvenuto seguendo il percorso innovativo, ma mantenendo i connotati cinesi, ispirando la vitalità della creatività attraverso una riforma forte, sottolineando il ruolo chiave del talento nel processo di sviluppo e integrandosi in una rete globale di innovazione.

 

Cambiamenti storici, olistici e strutturali hanno non solo hanno influito, ma sono stati parte del settore scientifico e tecnologico cinese.

 

La Cina in questo campo sta attraversando una transizione dall’accumulazione della quantità al salto di qualità, e dalle innovazioni limitate ad alcuni campi al miglioramento delle capacità sistematiche. È quanto ha raccontato Xi.

Una nuova serie di rivoluzioni scientifiche, tecnologiche e industriali stanno rimodellando il dominio mondiale dell’innovazione e della intera struttura economica globale. L’impatto della scienza e della tecnologia sul futuro di un paese e sul benessere delle persone non è mai stato così importante come oggi, ha detto.

 

Considerando l’innovazione la principale forza trainante dello sviluppo economico e non solo, Xi ha detto che occorre sforzarsi di assicurare “scienza e tecnologia di alta qualità” per sostenere lo sviluppo di un’economia modernizzata.

 

Xi richiede l’integrazione di Internet, dei big data e dell’intelligenza artificiale con l’economia reale, avanza le trasformazioni fondamentali del modello industriale e delle forme di impresa di produzione e sposta le industrie cinesi fino alla fascia medio-alta della catena del valore globale.

L’innovazione indipendente è l’unica via per la Cina di affermarsi nella scienza e tecnologia globale, Xi ha sollecitato passi coraggiosi per raggiungere le “altezze dominanti” nella competizione scientifica e tecnologica e nello sviluppo futuro.

Si è parlato così nello specifico delle tecnologie chiave, che dovrebbero essere auto-sviluppabili e controllabili. “I progetti di innovazione e sviluppo devono essere tenuti saldamente nelle nostre mani”, ha detto Xi.

Nel concreto, gli sforzi richiesti riguardano la ricerca e la pianificazione di questioni scientifiche che sono di importanza fondamentale e generale. Le risorse primarie dovrebbero essere investite per affrontare “aree chiave e problemi diffusi”, ha detto Xi.

 

“L’innovazione tecnologica dovrebbe essere accompagnata dall’innovazione istituzionale”, ha continuato nel suo discorso il presidente cinese.

 

Il presidente ha invitato gli scienziati cinesi a farsi profondamente coinvolgere nella governance globale della scienza e della tecnologia, usando anche la saggezza cinese per promuovere ed essere protagonisti della costruzione di una comunità con un futuro condiviso con l’umanità.

Gli sforzi dovrebbero mirare agli scambi e alla cooperazione internazionale, servendosi di risorse globali per l’innovazione e per stabilire partnership che offrano una cooperazione vantaggiosa per affrontare le sfide dello sviluppo: la sicurezza alimentare ed energetica, la salute e il cambiamento climatico.

Pur impegnandosi nel proprio sviluppo, la Cina porterà benefici agli altri paesi e promuoverà l’equilibrio mondiale. È quanto emerso dal discorso di Xi. Si tratta di un disegno di integrazione nella rete di innovazione globale che mira a rafforzare l’apertura dei piani scientifici e tecnologici del paese, impegnandosi a creare un buon ambiente fertile per l’innovazione e la creazione di meccanismi atti ad incoraggiare i talenti.

 

All’evento hanno partecipato oltre 1.300 accademici, rappresentanti dei più eminenti scienziati e personale dedito alla scienza e la tecnologia, funzionari delle agenzie governative centrali e militari, borsisti di istituti di ricerca, studenti universitari e insegnanti.

 

Il CAS e il CAE dovrebbero continuare a svolgere il loro ruolo di forza strategica e tecnologica dello stato e scalare nuove vette nella scienza. Xi ha appellato gli accademici “il tesoro dello stato, l’orgoglio della gente e l’onore della nazione”.

La leadership del partito è la garanzia politica fondamentale dei progressi compiuti nella causa dell’innovazione scientifica a caratteristiche cinesi. Il ruolo della gioventù per il futuro del paese è fondamentale. “Numerosi bambini in Cina sognano di diventare scienziati. Dovremmo fare della scienza una carriera attraente per i giovani”, ha detto Xi.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *