fbpx

5 Piattaforme di e-commerce da tenere sotto osservazione

04/04/2019

Giganti come Alibaba o JD dominano lo scenario dell’e-commerce cinese. Tuttavia il panorama è molto più eterogeneo di quanto possa sembrare. Diverse le opzioni per i brand sratranieri di sfondare nel mercato online del Dragone

 

La Cina domina il mercato globale dell’e-commerce. Oggi più del 40% delle intere transazioni del settore avvengono in Cina. Un risultato incredibile se pensiamo che nemmeno dieci anni fa, il contributo del Dragone al commercio online era solo dell’1%. In Cina l’e-commerce è qualcosa di più che assicurare bene di consumo giornalieri ai consumatori. E’ divenuto oramai un vero motore dell’economia che evidenzia gli sviluppi socio-economici all’interno del Paese stesso.

Piattaforme come Alibaba, JD (e a suo modo anche -Tencent) dominando  questo scenario. E sicuramente queste compagnie sono state gli apripista di questo settore tanto che una volta assicuratosi il successo nazionale, sono andate alla conquista di mercati esteri. Tuttavia il quadro dell’e-commerce del Dragone è molto più eterogeneo di quanto possa sembrare. Oltre a questi big-name, i brand internazionali possono affidarsi anche ad altre piattaforme per far breccia nel mercato cinese? La risposta è si. Ecco 5 piattaforme che sono leader di settore nel mercato cinese.

 

1. Pinduoduo – 拼多多: La prima compagnia di social-commerce

Pinduoduo curious explosion in Chinese e-commerce arena - cifnews

 

Pinduoduo拼多多, fondata a settembre 2015 da Colin (Zheng) Huang è ad oggi l’app in più rapida crescita nella storia dell’e-commerce cinese. La piattaforma è seconda solo ad Alibaba in fatto di users, ma JD è ancora argento per guadagni. La sua forza? I clienti delle lower tier cinesi, un mercato dove i big player cinesi del settore faticano ad entrare.  Nonostante i 601 milioni di consumatori attivi annuali mobili comprino su Taobao, il suo tasso di penetrazione nelle città di terzo e quarto livello raggiunge solo l’1,07% e il 3,84% rispettivamente.

Queste lower tier cities ad oggi rappresenteranno quasi i due terzi del mercato cinese del consumo annuale, che dovrebbe raggiungere i 9,7 miliardi di dollari entro il 2030, secondo Morgan Stanley. La startup con sede a Shanghai è riuscita a diventare un unicorno in soli 21 mesi raggiungendo il valore di mercato lordo di $ 1,5 miliardi molto più velocemente rispetto ai suoi “colleghi” più vecchi come JD.com e Taobao.

 

2. Secoo – 寺库: La piattaforma leader nell’e-commerce di lusso

 

Nonostante le preoccupazioni per il rallentamento economico della Cina, i ricchi consumatori dal paese continuano ad aumentare le loro spese per beni di lusso, sia a livello nazionale che all’estero. E l’e-commerce sta supportando questa tendenza. Tra le piattaforme di e-commerce, Secoo è leader nell’industria del lusso. Fondato nel 2008, Secoo (寺库) è uno dei più grandi siti B2C di lusso multimarca cinesi. Attualmente opera nell’ambito di una partnership con Tencent al fine di creare profili di dati per i loro oltre 3 milioni di clienti registrati.

Secoo è specializzato in abbigliamento e accessori di lusso per uomini e donne di grandi marchi, tra cui Burberry, Miu Miu, Hermes, Rolex, Longines e Bulgari. Inoltre, per soddisfare il crescente desiderio dei consumatori cinesi di uno stile di vita di fascia alta, la piattaforma ha introdotto auto da marchi come Bentley e Porsche, nonché yacht e jet personali sul sito. La popolarità di Secoo è in parte dovuta al fatto che offre metodi di pagamento specificamente progettati per essere efficienti per i consumatori cinesi, come il portafoglio digitale su WeChat.

 

3. Mia.com – 蜜芽: La piattaforma leader nei prodotti per l’infanzia

 

Mia.com, 蜜芽, precedentemente miyabaobei.com,  è una piattaforma di e-commerce fondata da Liu Nan nel 2011, con sede a Pechino. Nata come uno dei tanti portali su Taobao, la piattaforma lasciò la galassia Alibaba per stabilire il proprio dominio a febbraio 2014.

Liu Nan è riuscita a farsi strada in un settore dominato da giganti cinesi come Alibaba e JD.com rivolgendosi a una nicchia particolare, quella dei nuovi genitori. Vestiti per la maternità, latte in polvere, pannolini e molto altro Mia.com offre ai genitori tutto ciò di cui hanno bisogno, dai prodotti per bambini ai giocattoli. Ritagliandosi un posto di nicchia in prodotti per l’infanzia importati, la società di vendita al dettaglio online ha rapidamente una valutazione di 1 miliardo di dollari in meno di quattro anni.

Secondo i dati del sito ufficiale di Mia.com, ci sono 1300 marchi che hanno collaborato con la piattaforma e gli utenti della piattaforma hanno superato i 30 milioni. Sulla piattaforma, il 70% dei prodotti viene importato da paesi stranieri. Nella lista della soddisfazione degli utenti del 2016 per l’e-commerce di importazione transfrontaliera della Cina, Mia.com è stata classificata al primo posto tra tutti i concorrenti di settore.

 

4. Kaola.com -考拉 网: la più grande piattaforma di cross-border e-commerce cinese

Lanciata nel 2015 da NetEase, Kaola è la più grande piattaforma di cross-border e-commerce in Cina con una quota di mercato del 26% nel 2018. Kaola attualmente collabora con oltre 5.000 marchi di 80 paesi che comprendono abbigliamento, maternità, beauty  e altre categorie di prodotti.

Tra i segreti del successo di Kaola vi è il suo modello unico di business. Tradizionalmente la piattaforma stabilisce forti relazioni con marchi internazionali e acquista direttamente la maggior parte del proprio inventario da brand oltreoceano, evitando intermediari e distributori locali a costi inferiori, il cui vantaggio viene trasferito ai consumatori.

In poche parole la formula di Kaola è quello di un “direct purchasing” fatto dal portale stesso o gestito da terze parti che operano sulla piattaforma stessa. Nel 2016 Kaola è stata classificata al primo posto nel sondaggio sulla soddisfazione degli utenti che gravitano nell’orbita del cross-border e-commerce cinese.  Perché quindi Kaola è estremamente popolare anche tra i brand stranieri? La piattaforma fornisce una soluzione unica per i produttori di entrare tout court nel complesso mercato cinese.

 

5. Juanpi.com – 卷皮网: la prima piattaforma di e-commerce cinese che vende prodotti scontati

Fondata nel 2012 a Wuhan, Juanpi.com卷皮网, è la prima piattaforma di e-commerce che si concentra sul mercato delle “par goods” e sulla vendita di prodotti scontati in Cina. Attraverso il suo modello unico di “Par retail” (平价零售), Juanpi.com è diventata una delle più grandi piattaforme di e-commerce in Cina. Tra il 2016 e il 2017, il numero di utenti della piattaforma ha superato i 100 milioni e l’80% di loro sono donne. La forza di Juanpi.com è quella di offrire un prezzo più basso rispetto ai competitor, il che attira i consumatori cinesi, il prezzo medio di ogni prodotto è di circa 100 CNY e il 50% dei prodotti proviene da piccole e medie marche.

Nel 2015, Juanpi ha conseguito una GMV di svariati miliardi di yuan e una base di clienti di circa 100 milioni suddivisi tra app, sito web e componenti WAP. In particolare l’app mobile ha contribuito per oltre l’80% del totale delle entrate dell’azienda. Ogni mese, diverse migliaia di rivenditori introducono offerte speciali, ma su merci di alta qualità, tramite Juanpi accrescendo giorno dopo giorno la community intorno a questo innovativo portale e-commerce.

 

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *