fbpx

5G, la nuova frontiera della comunicazione

22/06/2019

Interessante digital talk organizzato dall’Università Telematica Internazionale UNINETTUNO. Quale la situazione in Italia? Per ora la Cina vince la corsa al 5G

 

Se l’affermazione del 5G, (connettività mobile di quinta generazione), è destinata a cambiare il mondo toccando tutti i settori della nostra vita, dalla comunicazione, al lavoro, alla produzione, quali saranno i vantaggi e quali i rischi che ne sono associati? Per analizzare e comprendere il significato di questo grande cambiamento, definito da tutti gli stakeholder come una vera e propria rivoluzione, all’Università Telematica Internazionale UNINETTUNO si è tenuto il Digital Talk dal Titolo ”5G: Le Nuove Frontiere della Comunicazione”.

A pochi giorni dal lancio ufficiale sul territorio nazionale dell’ultimissima tecnologia 5G, si aprono nuovi orizzonti comunicativi per soddisfare le esigenze di nuovi casi d’uso, come l’Internet of things (dispositivi connessi a Internet), servizi di trasmissione e linee di comunicazione d’importanza vitale nonché servizi di streaming, in particolare di video. Il 5G rappresenterà l’era dei dispositivi (davvero) sempre connessi, che non debbano più passare continuamente da Wi-Fi a rete mobile, come la TV digitale.

In apertura, la Prof.ssa Maria Amata Garito (Rettore UNINETTUNO) ha lanciato il messaggio significativo: «Il vero problema del momento è che la politica non governa l’evoluzione tecnologica, non solo a livello nazionale. Siamo nel caos. Un mondo parallelo senza regole, in cui i più deboli culturalmente lo possono subire e proprio per questo devono essere protetti. Basti solo pensare all’ultima idea di Zuckerberg sulla Libra, la nuova moneta del futuro che rivoluzionerà il mondo».

 

La Cina risulta essere il Paese più connesso al mondo e il 5G inizia ad essere una realtà

 

La Cina, essendo una nazione votata al futuro e con una continua crescita per la realizzazione del suo “sogno cinese”, risulta essere il Paese più connesso al mondo, dove il 5G comincia ad essere una realtà in città come Shanghai, Pechino o Chongqing.

Ed in un campo come la logistica, dove la Cina la fa da padrone, i veicoli intelligenti conquistano la scena. Grazie al 5G questi ritrovati saranno in grado di percorrere strade senza alcun ausilio. Basti pensare che quando in Occidente viene lanciato un servizio innovativo legato a digital, e-commerce e logistica, è probabile che la cosa sia stata sperimentata molto prima da uno dei giganti del tech cinese.

Cainiao, braccio logistico di Alibaba, ha recentemente aperto il più grande magazzino automatizzato in Cina nella città orientale di Wuxi, Jiangsu. Questo fa parte del primo Future Park dell’azienda, un complesso logistico gestito da applicazioni Internet of Things, big data, edge computing e intelligenza artificiale per aumentare l’efficienza nel processo di spedizione. Alimentato dalla connettività IoT, Cainiao utilizza 700 robot dalla guida automatizzata (AGV) per evadere gli ordini. Il sistema intelligente indirizza autonomamente gli AGV a guidare, caricare e scaricare le merci, mentre in contemporanea pianifica i percorsi migliori per distribuire i pacchi ed evitare la collisione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *