fbpx

Alibaba è per la tutela ambientale

12/06/2019

 

E non è l’unico colosso cinese ad aderire ad iniziative e politiche atte ad incentivare la salvaguardia ambientale

 

 

Alibaba e l’ONU hanno collaborato ad una campagna per la sensibilizzazione sull’importanza della tutela ambientale per la Giornata Mondiale dell’Ambiente, una campagna annuale indetta dalle Nazioni Unite che quest’anno si è tenuta il 5 giugno, stando a quanto dichiarato dal gigante dell’e-commerce.

Alibaba e il Programma per l’ambiente delle Nazioni Unite hanno lavorato per coinvolgere i 721 milioni di utenti attivi mensilmente sulle piattaforme commerciali della società di Hangzhou, con sede in Cina, e per rendere loro più facile la partecipazione a attività come il riciclo e la piantagione di alberi.

 

Gli utenti possono semplicemente cercare “green” in qualsiasi app di Alibaba – inclusi Taobao, Tmall, Alipay e Freshippo – e trovare suggerimenti su come contribuire alla causa.

 

“Gli sforzi ambientali di Alibaba consentono a tutti di diventare parte interessata, responsabile e partecipare alla causa della tutela dell’ambiente”. Lo ha dichiarato Sun Lijun, presidente della Fondazione Alibaba, il ramo filantropico dell’azienda.

Sin dal suo inizio nel 1974, l‘ONU ha utilizzato la Giornata mondiale dell’ambiente per promuovere azioni volte a proteggere gli ecosistemi e le risorse naturali del pianeta. Quest’anno, la Cina è il paese ospitante in cui si terranno le celebrazioni ufficiali.

 

Un evento, nella città di Hangzhou, riconoscerà il lavoro che le società affiliate di Alibaba, Ant Financial e Cainiao Smart Logistics Network, hanno realizzato per generare una vita green in Cina.

 

L’attenzione di Alibaba sulle tematiche ambientali è parte integrante del modo in cui la società opera, come ha detto Alibaba nel suo primo report su Environmental Social & Governance, pubblicato lo scorso settembre.

“Stiamo guidando la sostenibilità ambientale, innovando nelle aree di maggiore impatto della nostra attività”, ha scritto l’azienda. “Tutte le iniziative che intraprendiamo in materia di sostenibilità ambientale sono fondamentalmente collegate alle nostre pratiche di core business e contribuiscono a strutturare le nostre strategie a lungo termine per garantire che le nostre imprese e sistemi si adattino al futuro”.

 

Nel rapporto, Alibaba ha indicato iniziative come i data center gestiti da Alibaba Cloud che utilizzano sistemi di raffreddamento ad acqua per risparmiare energia e ridurre le emissioni di carbonio o fanno affidamento sulle energie rinnovabili per le loro operazioni.

 

L’enfasi di Cainiao sulla “green logistics”, nel frattempo, copre tutto, dai materiali di imballaggio riciclati ai magazzini alimentati da pannelli solari. C’è anche Ant Forest, un mini-programma all’interno dell’app Alipay che premia gli utenti per i loro comportamenti nel rispetto dell’ambiente, come la rinuncia a fatture cartacee o la scelta dei mezzi pubblici.

I punti guadagnati su Ant Forest possono essere incassati in cambio di alberi piantati in zone della Cina che il paese sta lavorando attivamente per rimboschire. Ci sono alcuni altri sforzi a favore dell’ ambiente da parte di Alibaba.

 

A partire da marzo 2019, Ele.me ha consegnato oltre 74 milioni di ordini privi di accessori e imballaggi extra.

 

DingTalk ha consentito a un ufficio senza carta di servirsi di comunicazioni in formato elettronico, via telefono e videoconferenza per risparmiare 227 milioni di chilogrammi di emissioni di carbonio, l’equivalente di piantare 12,7 milioni di alberi a partire da marzo 2019.

Cainiao prevede di aprire 50.000 stazioni di riciclaggio di scatole di spedizione indesiderate presso i suoi punti di consegna in tutta la Cina. Finora l’azienda ha installato 5.000 stazioni di riciclaggio in 200 città, con oltre 13 milioni di scatole riciclate da quando ha lanciato il programma nel 2017.

 

Prendendo spunto da Cainiao, Freshippo ha installato stazioni di riciclaggio della plastica per tutto il paese, con l’obiettivo di ridurre l’uso di materie plastiche di 3,8 milioni di chilogrammi.

 

Cainiao ha collaborato con Ling Shou Tong, che sta digitalizzando le operazioni dei 6 milioni di negozi di alimentari in Cina, per promuovere l’uso di contenitori originali e il riutilizzo di cartoni in milioni di negozi LST. Attualmente oltre il 70% delle consegne non utilizza più nuovi cartoni, ma solo riciclati.

Nell’ultimo anno fiscale, la Fondazione Alibaba ha raccolto 252 milioni di RMB (36,5 milioni di USD) in donazioni e ha implementato programmi di protezione delle acque in 389 città, proteggendo 1.312 fiumi.

L’algoritmo di ottimizzazione del packaging di Cainiao, che assegna imballaggi di dimensioni adeguate agli articoli spediti, per ridurre gli sprechi, è stato applicato a 290 milioni di scatole per la consegna e borse per corriere. Idle Fish, un mercato online per beni di seconda mano, ha riciclato oltre 10.000 tonnellate di capi di abbigliamento.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *