fbpx

Alibaba lancia TMall World in Australia

10/08/2017

A Giugno TMall World è stato presentato ufficialmente alle aree di Hong-Kong, Singapore, Taiwan ed il sud-est asiatico (i paesi più importanti sono: Malesia, Indonesia, Thailandia, Filippine, Vietnam ed altri, per un totale di 6 milioni di consumatori). E questa volta la sua espansione si è rivolta all’Australia.

Da dove è partito questo sbarco in Australia?

Da Settembre 2016 Tmall World offre alle aziende locali ed ai prodotti di alta qualità dei pacchetti che comprendono soluzioni di logistica, traduzione, pagamento, per aiutarli ad abbassare le barriere, i costi e facilitare l’espansione all’estero. I favoriti da parte dei cinesi stabilitisi in Australia sono Xiaomi (nota marca cinese di telefonia e computer) , Nanjiren (un marchio di indumenti intimi), Supor (un marchio di pentole cuoci riso). Il marchio Bosideng, produttrice di piumini, trova grande interesse a vendere in Australia: essendo situata nel sud del mondo le stagioni sono ribaltate ed in questo modo riesce a vendere i propri prodotti tutto l’anno, anche quando in Cina sarebbero fuori stagione. Invece, i prodotti più richiesti sono reggiseni, collant, indumenti da sci e giacche, i prodotti per il lavaggio dell’auto, in quanto risulta più costoso farsi lavare l’auto in Australia rispetto alla Cina, l’acquisto di bacchette che possono essere lavate in lavastoviglie e le cuoci riso della marca Supor.

Nel Febbraio 2017 è stato istituito un ufficio a Melbourne con lo scopo di promuovere al meglio gli scambi bidirezionali per la vendita al dettaglio. Coadiuvato dal fatto che, durante il G20 dello scorso anno è stato firmato un accordo strategico di cooperazione tra Alibaba ed il primo ministro australiano, per promuovere e far entrare il marchio in Australia. Il messaggio che arriva dalla direzione di Alibaba è che ci deve essere collaborazione con i locali.

In questo l’Australia si è dimostrata un paese fondamentale per gli obiettivi di TMall World; infatti gli ordini aumentano annualmente del 50%. Di tutto il sud-est asiatico l’Australia è la nazione che ha dato i risultati più soddisfacenti; l’obiettivo futuro per l’azienda di vendite online è quello di riuscire a fare la stessa cosa per i paesi europei.

I dati mostrano che grazie alla presenza di più di 1300 marchi australiani TMall è la più grande piattaforma per il commercio elettronico dell’Australia; tra i principali troviamo, il più grande gruppo di supermercati Woolworths, la più grande catena di negozi farmaceutici Chemist Warehouse, due marchi di latte in polvere A2 e Bellamy, i 3 più grandi gruppi per l’assistenza sanitaria Blackmores, Swisse, Naturers’way ed il gruppo di poste australiano.

Cosa potrà accadere?

Milioni di cinesi spenderanno 1,2 miliardi per comprare prodotti su Taobao grazie ai più comodi servizi di logistica offerti. Da quanto detto da  Cainiao Network (l’azienda logistica di Alibaba), il primo kg di merce acquistata in Australia ha dei costi di trasporto di 65-70 Yuan, ma se l’ordine viene spedito in uno dei 41 punti di ritiro stabiliti da Cainiao Network i costi di spedizione possono essere ridotti a meno di 50 Yuan; inoltre entro 15 giorni dal lancio della piattaforma TMall World per l’Australia, gli utenti possono pagare le spedizioni scontate del 50%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *