fbpx

Alibaba & NTU Singapore partner per la Ricerca AI

28/02/2018

Un nuovo istituto di ricerca di intelligenza artificiale a Singapore, il primo del colosso cinese fuori dalla Cina

Il gigante Alibaba e la Nanyang Technological University di Singapore hanno appena lanciato un istituto per la ricerca sull’intelligenza artificiale, cercando di semplificare la vita degli abitanti delle città e delle città-stato.

L’istituto di ricerca congiunta Alibaba-NTU di Singapore, la prima organizzazione di ricerca congiunta del colosso dell’e-commerce al di fuori della Cina, intende rendere le persone “più sane, intelligenti e felici” attraverso l’intelligenza artificiale, per spiegarlo con una sua dichiarazione. Un team iniziale composto da circa 50 scienziati e ingegneri di entrambe le organizzazioni lavorerà per sviluppare soluzioni di intelligenza artificiale con applicazioni reali, che vanno dal contesto della casa, alla vendita al dettaglio, all’assistenza sanitaria, ai trasporti pubblici.

“Speriamo di lavorare a Singapore con talenti e ricercatori di tutto il mondo per esplorare innovazioni tecnologiche in grado di affrontare le problematiche comuni affrontate dalla società in generale”, ha dichiarato Zhang Zhang, Chief Technology Officer di Alibaba.

“Nel frattempo, possiamo anche sfruttare le risorse aziendali esistenti nella regione, per amplificare l’impatto della tecnologia sviluppata, rendendo le soluzioni accessibili a tutti”, ha aggiunto.

Il piano è di combinare la ricerca di NTU della tecnologia AI centrata sull’uomo, in cui le macchine imparano a mostrare caratteristiche come emozioni e valori, con l’attenzione di Alibaba sull’elaborazione del linguaggio naturale, la visione artificiale, l’apprendimento automatico e il cloud computing. Nei prossimi cinque anni, amplieranno il numero di ricercatori dell’istituto, nonché i canali aperti per la collaborazione con partner accademici e del settore privato.

Mentre non è stato divulgato un dato di investimento esatto, Alibaba nella dichiarazione ha definito “una collaborazione multimilionaria all’anno” con NTU.

La partnership segue all’annuncio di Alibaba dello scorso ottobre che Singapore sarebbe stata una delle sette città ospitanti i laboratori nel suo programma di ricerca tecnologica globale da 15 miliardi di dollari, DAMO Academy. Già un importante mercato per Alibaba, Zhang ha indicato le principali istituzioni di ricerca di Singapore, grazie al talento accademico e al governo favorevole alle politiche come motivazione del trasferimento, in particolare l’iniziativa Smart Nation, che mira a sfruttare le nuove tecnologie per migliorare la qualità della vita.

La NTU è nota nella comunità di ricerca per l’intelligenza artificiale, i data science e la robotica, specialmente nella loro applicazione alla vita degli anziani. Il suo centro di ricerca LILY ha vinto numerosi riconoscimenti internazionali per il suo lavoro per la “vita attiva” degli anziani. Il presidente della NTU, Subra Sureesh, ha detto che l’istituto congiunto potrebbe avere un impatto positivo anche in quella zona, in particolare per i sensori intelligenti che monitorano la salute dei bambini; un problema enorme per le città con una popolazione che invecchia rapidamente come Singapore.

NTU Singapore servirà come banco di prova per le tecnologie dell’istituto in modo che gli attori del settore “possano avere fiducia prima di immetterli nel mercato”, ha spiegato il presidente dell’università Subra Sureesh. Singapore sarà la prima a lanciare le nuove tecnologie, seguita da altre città del sud-est asiatico.

Un altro obiettivo chiave per l’istituto sarà migliorare l’efficienza dei trasporti. Si prevede che entrambe le parti svolgeranno ricerche sull’ottimizzazione del trasporto urbano guidato dall’analisi dei dati, come il ride-sharing e il bike-sharing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *