fbpx

Alibaba, ecco il nuovo processore RISC-V

27/07/2019

 

La mossa accelera l’autosufficienza tecnologica cinese stante la guerra commerciale con gli USA

 

 

Pingtouge, la consociata di semiconduttori di Alibaba, ha rilasciato un nuovo processore basato su RISC-V, una mossa che accelera l’autosufficienza dell’industria tecnologica cinese durante l’attuale guerra commerciale tra USA e Cina.

RISC-V, un’architettura di set di istruzioni hardware open source (ISA), non è coperto dalle restrizioni all’esportazione statunitensi, il che significa che aziende cinesi come Huawei sono in grado di utilizzarlo senza violare alcuna restrizione all’esportazione. L’ISA è considerato un rivale per i fornitori commerciali di progetti di computer, come ARM e MIPS.

 

 

L’uso di RISC-V ISA è molto più conveniente perché Pingtouge non ha bisogno di concedere in licenza un costoso core ARM

 

 

RISC-V è uno standard open source riconosciuto a livello globale, che elimina i problemi di fiducia che potrebbero sorgere per Alibaba con sede a Hangzhou e Pingtouge con base a Shanghai.

L’uso di RISC-V ISA è molto più conveniente perché Pingtouge non ha bisogno di concedere in licenza un costoso core ARM, come confermato da Stewart Randall, responsabile dell’elettronica e del software integrato della società di consulenza di Shanghai Intralink.

Pingtouge afferma che il processore, soprannominato Xuantie 910, è attualmente il processore RISC-V più performante del settore. Può essere applicato alla progettazione di chip per le reti wireless di quinta generazione, all’intelligenza artificiale e alla guida autonoma. Il processore potrebbe potenzialmente raddoppiare le prestazioni dei chip riducendo i costi del 50%, ha affermato la società.

 

 

ARM, il progettista di chip con sede nel Regno Unito, è stato costretto a rompere i legami con Huawei

 

 

Il governo degli Stati Uniti a maggio ha inserito Huawei in una lista nera commerciale, impedendo alle società americane di vendere al colosso cinese delle apparecchiature di telecomunicazione qualsiasi componente contenente tecnologia che ritenga una minaccia alla sicurezza nazionale se inappropriata.

ARM, il progettista di chip con sede nel Regno Unito, è stato costretto a rompere i legami con Huawei a seguito delle sanzioni statunitensi poiché la società utilizza la tecnologia americana nei suoi prodotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *