fbpx

Arriva Tao Cafe: Alibaba lancia il primo supermercato senza casse

11/07/2017

Alibaba rafforza il suo ruolo di leader nella rivoluzione del retail, con sistemi di riconoscimento e pagamento “smart”

 

Alibaba ha presentato il primo supermercato completamente senza personale – dal nome di Tao Cafe – in occasione della 2° edizione della TaoBao Maker Festival, che tenutosi dall’8 al 12 luglio nella città di Hangzhou, sede di Alibaba Group. Si tratta di un negozio fisico con una superficie di 200 metri quadri, dove è possibile fare acquisti di vario tipo, dai gadget marchiati TaoBao agli alimenti. Lo store è capace di servire 50 utenti alla volta.

Ma la vera rivoluzione sta nel processo di acquisto e pagamento, che prevede l’utilizzo di sistemi di riconoscimento facciale e dei prodotti, e che cambia radicalmente l’esperienza nello store.

 

La vera rivoluzione di Tao Cafe è il processo di acquisto, legato al sistema Alipay

 

Se è la prima volta che si entra in negozio, occorre effettuare la scansione del codice QR tramite l’applicazione di Taobao sul cellulare e dare l’autorizzazione alle clausole (consenso al trattamento dei dati personali, e sottoscrizione al pagamento Alipay). Il sistema riconoscerà l’utente anche tramite un sistema di image-recognition. Una volta entrati, si apre la porta di ingresso e l’utente non avrà più bisogno del cellulare. Nel negozio  “Tao Cafe”  gli utenti possono prendere un qualsiasi prodotto o effettuare qualsiasi ordine nell’area ristorazione. Il negozio riconosce immediatamente gli articoli che vengono presi o ordinati. 

L’unica via di uscita è una “porta intelligente”, ossia dotata di un sistema di riconoscimento facciale. Dopo qualche secondo, un dispositivo automatico avvisa dell’avvenuto pagamento. Da questo momento, l’utente può uscire dallo store, e riceverà una notifica di avvenuto pagamento direttamente su Alipay, il sistema di pagamento di Alibaba. Senza dubbio siamo di fronte a un cambiamento importante nel mondo del retail, e Alibaba si pone tra i leader di questa rivoluzione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *