fbpx

Amazon sposta l’attenzione della sua attività in Cina

22/04/2019

 

Aiuterà i commercianti cinesi a vendere all’estero tramite Amazon Global Selling

 

 

Il gigante statunitense Amazon prevede di chiudere a luglio i servizi dei venditori di terze parti nel suo e-commerce cinese, spostandosi verso le più redditizie attività di e-commerce, servizi cloud e dispositivi e-reader transfrontalieri nel paese.

 

A partire dal 18 luglio, i clienti che accedono al portale web cinese di Amazon vedranno solo una selezione di merci all’estero dal proprio negozio globale, piuttosto che prodotti di venditori locali di terze parti.

 

“Stiamo lavorando a stretto contatto con i nostri venditori per garantire una transizione senza intoppi e continueremo a offrire la migliore esperienza possibile al cliente. I venditori interessati a continuare a vendere su Amazon al di fuori della Cina sono in grado di farlo attraverso Amazon Global Selling“, ha dichiarato Amazon.

Amazon ha sottolineato che non uscirà dal mercato cinese e continuerà a investire e crescere in Cina attraverso le sue attività commerciali transfrontaliere Amazon Global Store, che aiuta i commercianti cinesi a vendere prodotti all’estero, la piattaforma di servizi cloud Amazon Web Services, dispositivi e contenuti Kindle.

 

“Negli ultimi anni, abbiamo trasformato la nostra attività di vendita al dettaglio online in Cina per aumentare sempre più le vendite transfrontaliere”, ha detto Amazon, aggiungendo che continua a fare aggiustamenti operativi per concentrare i suoi sforzi sulle vendite transfrontaliere in Cina e per migliorare l’esperienza sia per i clienti cinesi che per i partner di vendita globali.

 

Il peso massimo della tecnologia americana sta affrontando una concorrenza sempre più agguerrita da parte di rivali di e-commerce come Alibaba e JD, così come l’app di acquisto del gruppo Pinduoduo, che è stata resa pubblica a New York lo scorso anno. Statistiche dalla consulenza di mercato iResearch hanno mostrato che il mercato Tmall di Alibaba e JD ha controllato l’81,9% del mercato cinese lo scorso anno.

Amazon è entrata in Cina nel 2004, quando ha acquistato un sito di shopping online locale Joyo.com per 75 milioni di dollari. Da allora, ha investito in magazzini, data center e programmi per insegnare ai venditori cinesi come vendere le loro merci ai clienti di Amazon.

Amazon ha lanciato Amazon Prime in Cina a ottobre 2016, il primo programma di abbonamento gratuito illimitato per le spedizioni transfrontaliere a livello mondiale, nel tentativo di attirare il crescente numero di clienti cinesi attenti alla qualità ad acquistare prodotti stranieri.

Un venditore cinese di terze parti che vende libri tramite Amazon China ha dichiarato di non aver ancora ricevuto la notifica sulla chiusura del servizio di terze parti, e che il suo fatturato su Amazon è inferiore a quello di Tmall e JD.

 

“Amazon non ha avuto il sopravvento in Cina: l’attività di e-commerce cinese è una piccola parte dell’azienda globale e il suo vantaggio competitivo in Cina risiede principalmente nell’abbondanza dei prodotti d’oltremare dal suo e-store globale”, ha detto Yu Jian , general manager specialista del comportamento degli acquirenti di Kantar Worldpanel China.

 

Amazon sta lottando per competere con i leader locali tra cui Alibaba, JD e NetEase Kaola, che hanno incrementato i loro sforzi negli acquisti transfrontalieri, ha aggiunto Yu.

Chen Tao, analista presso la società di consulenza Analysys, con sede a Pechino, ha dichiarato che Amazon ha una forte competitività e una buona reputazione nella logistica globale, nei magazzini e nella supply chain, ma deve affrontare alcune sfide nei suoi sforzi di localizzazione in Cina.

Amazon è in ritardo rispetto ai suoi rivali nella promozione del marketing e nelle operazioni commerciali in Cina: se il quartier generale di Seattle darà più potere operativo e decisionale all’unità cinese, la situazione potrebbe diventare molto migliore”, ha aggiunto Chen.

Chen ha anche detto che, rispetto ad Amazon, i rivenditori online nazionali hanno una migliore comprensione delle esigenze dei consumatori locali e di come operare in conformità con le condizioni del mercato locale.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *