fbpx

Apple compra la produzione di modem di Intel

27/07/2019

Al costo di un miliardo di dollari il colosso stringe un accordo per funzionare sulle reti 5G

 

 

Apple sta pagando Intel 1 miliardo di dollari per la sezione modem da smartphone di proprietà del produttore di chip, secondo un accordo che segue la futura transizione alla prossima generazione di tecnologia wireless.

L’accordo annunciato giovedì arriva tre mesi dopo che Apple ha concluso una disputa di lunga data con uno dei rivali di Intel, Qualcomm. Ciò ha assicurato ad Apple i chip necessari ai futuri iPhone per funzionare su reti wireless ultraveloci note come 5G.

 

La tregua Apple-Qualcomm ha spinto Intel ad abbandonare i suoi tentativi di realizzare chip per modem 5G, mettendo in pratica solo quella parte della sua attività.

 

Una volta completata la vendita entro la fine dell’anno, Apple raccoglierà circa 2.200 dipendenti Intel e 17.000 brevetti sulla tecnologia wireless. Salvo eventuali complicazioni, l’accordo dovrebbe concludersi tra ottobre e dicembre.

L’acquisto da parte di Apple dei brevetti di modem per smartphone Intel e altre tecnologie potrebbe rafforzare il suo tentativo di costruire i propri chip per linee 5G e ridurre la sua dipendenza da Qualcomm.

 

Il Cupertino, in California, ha stipulato un accordo di licenza con Qualcomm che si protrarrà fino all’aprile 2025, con la possibilità di prorogarlo per altri due anni dopo.

 

Qualcomm è un fornitore chiave nel lancio del 5G, in particolare negli Stati Uniti, perché l’amministrazione del presidente Donald Trump ha inserito nella lista nera un altro importante fornitore del 5G, Huawei, come parte della sua guerra commerciale con la Cina.

Finora, le connessioni 5G sono disponibili solo in alcune città degli Stati Uniti, ma dovrebbero diventare più diffuse entro il prossimo anno. Le reti più veloci consentiranno ai consumatori con dispositivi 5G di scaricare film in pochi secondi e accedere ad altri servizi di streaming più rapidamente.

Apple non dovrebbe mettere sul mercato un iPhone che funziona su reti 5G fino a settembre 2020, arrivando dopo concorrenti come Huawei e Samsung, che già producono telefoni che funzionano con la tecnologia wireless più veloce. L’accordo concluso è una manifestazione dell’incapacità di Intel di raggiungere Qualcomm nel settore della produzione di chip per modem da smartphone.

 

Intel ha trascorso l’ultimo decennio cercando di farsi strada in quel mercato, arrivando nel 2011 ad acquistare la divisione modem per smartphone di Infineon Technologies per $ 1,4 miliardi.

 

Apple raramente spende molto per le acquisizioni, preferendo investire in start-up con somme relativamente piccole. Il prezzo che sta pagando Intel si colloca in questo accordo tra i suoi maggiori, oltre al rilevamento da 3 miliardi di dollari del servizio di streaming musicale di Beats nel 2014.

Anche se l’acquisizione di Intel si rivelasse essere un flop, non lascerà un grosso segno nelle finanze di Apple. La società ha chiuso marzo con 225 miliardi di dollari.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *