fbpx

Autobus a guida automatizzata sottoposti a test a Changsha

19/02/2019

 

Nella provincia dello Hunan, in Cina, parte un’area destinata agli autobus a guida automatizzata

 

 

A Changsha, capoluogo della provincia di Hunan, un autobus evita i pedoni, accelera, rallenta, fa una fermata di emergenza, sorpassa altre auto e rispetta i semafori. Anche se a prima vista potrebbe sembrare un normale autobus, e ha persino un autista sul sedile di sicurezza, il nuovo veicolo viene controllato automaticamente, senza che le mani del guidatore tocchino il volante o i piedi i pedali.

L’autobus è uno dei quattro testati sulle strade cittadine pubbliche dal dicembre 2018, poiché Hunan lavora duramente per ottenere un posto nella corsa nazionale verso la commercializzazione della guida automatizzata.

 

La provincia centrale spera di sfruttare la ricerca e lo sviluppo di società locali per tecnologie di trasporto all’avanguardia e alcune politiche di regolazione favorevoli per ottenere vantaggio.

 

Li Kang, un ingegnere del Changsha Intelligent Driving Institute, che lavora al progetto, ha detto che l’osservazione più ravvicinata di ogni veicolo rivela i suoi segreti tecnologici. Ognuno di questi è fornito di una serie di telecamere, radar laser e dispositivi ad antenna che possono fungere da occhi per aiutare a vedere i pedoni e altri ostacoli sulla strada.

All’interno del bus, si trova un computer industriale che elabora tutte le informazioni catturate e prende le giuste decisioni, facilitando la comunicazione, ha aggiunto Li. Anche la strada di prova, situata nella nuova area di Xiangjiang, è stata appositamente modificata.

Il percorso di 7,8 chilometri e 11 stop è interamente coperto da segnali provenienti dalla tecnologia di comunicazione mobile 5G o di quinta generazione, che offre comunicazioni affidabili in tempo reale tra i veicoli e il bus e una piattaforma di cloud computing.

 

“Più di 70 telecamere ad alta definizione sono state installate lungo la strada, trasferendo le informazioni video a un centro di controllo e, in combinazione con i dati all’interno del veicolo, può contribuire a migliorare l’efficienza nel tracciamento della strada e di quattro autobus per aiutarli a prendere decisioni da soli”.

 

lo ha detto Liu Kai, un funzionario tecnico presso l’Hunan Xiangjiang Smart Tech Innovation Center, che gestisce l’area di test a Changsha. Nella prima fase sono stati programmati quattro autobus elettrici intelligenti per la prova.

Sono stati tutti prodotti da CRRC Zhuzhou Institute. Situata a Zhuzhou, Hunan, l’azienda è una consociata interamente controllata da China Railway Rolling Stock, uno dei maggiori fornitori di attrezzature per il trasporto ferroviario nel mondo.

Dei quattro bus, due si basano sul livello L3 o sull’automazione condizionale, il che significa che il sistema è in grado di gestire la guida, purché nel suo ambito di progettazione operativa. Gli altri due saranno basati su L3 o aggiornati a livelli superiori come L4 o L5 in seguito dal Changsha Intelligent Driving Institute.

La nuova area di Xiangjiang mira a costruire una strada pubblica di prova della lunghezza di 100 km entro la fine del 2019 destinata a veicoli a guida automatizzata, compresi taxi, camion per la logistica, camion per servizi igienico-sanitari e parcheggi intelligenti oltre ad altre applicazioni.

Tale livello di sviluppo ha attratto alcune delle più grandi aziende del paese. Baidu collaborerà con altre società per distribuire circa 100 taxi autonomi nell’area destinata ai test, mentre JD utilizzerà l’area per provare i suoi camion di consegna intelligenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *