fbpx

Aziende automobilistiche cinesi ed egiziane in accordo per fabbricare auto in Egitto

20/06/2019

 

SAIC Motor e Mansour Automotive produrranno assieme in Egitto auto del brand MG

 

 

L’industria automobilistica cinese SAIC Motor e la più grande società rivenditrice di auto in Egitto, Mansour Automotive, hanno firmato lunedì al Cairo un accordo di joint venture per la produzione di auto del brand MG.

Durante la cerimonia ufficiale della firma, il presidente di SAIC Motor, Chen Hong, ha dichiarato che la sua azienda ha inizialmente costruito una catena di industria automobilistica che integra ricerca e sviluppo, produzione, marketing, logistica e finanza in un mercato globale.

 

“Questa volta, il Gruppo Mansour ha unito le forze: i nuovi prodotti, le tecnologie e i modelli di SAIC saranno introdotti attivamente nel mercato egiziano per fornire ai cittadini locali prodotti e servizi localizzati di più alta qualità”, ha affermato.

 

Alla cerimonia hanno partecipato il sindaco di Shanghai, Ying Yong, l’ambasciatore cinese in Egitto, Liao Liqiang, il ministro Consigliere per gli affari economici presso l’ambasciata cinese in Egitto, Han Bing, e un certo numero di ministri e funzionari egiziani.

Ankush Arora, chief operating officer di Mansour Automotive, ha dichiarato che la produzione delle auto inizierà nei prossimi 12 mesi, aggiungendo che attualmente stanno allestendo le strutture di assemblaggio.

 

Ha dichiarato all’agenzia di stampa cinese Xinhua che il suo gruppo avrebbe firmato un accordo di joint venture con SAIC per diventare il distributore esclusivo del gigante cinese nell’Africa sub-sahariana.

 

L’anno scorso, SAIC ha costituito una joint venture con Mansour per promuovere le auto MG nel mercato egiziano, rendendo la società egiziana il distributore esclusivo dei prodotti MG nel paese nordafricano.

“Stiamo anche rivelando il nuovo SUV totalmente elettrico, MG ZS, e sarà il primo veicolo elettrico locale sul mercato in Egitto, lo lanceremo nei prossimi cinque mesi”, ha rivelato Arora.

Negli ultimi anni, SAIC ha attivamente risposto all’iniziativa Belt and Road per promuovere le operazioni commerciali internazionali. Al momento, SAIC ha creato centri di ricerca e sviluppo innovativi in ​​Gran Bretagna, negli Stati Uniti e in Israele e ha costruito basi di veicoli in Tailandia, Indonesia e India.

La società cinese ha raggiunto un totale di 277.000 esportazioni di veicoli e vendite all’estero nel 2018, in crescita del 62,5% rispetto all’anno precedente.

Tags:

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *