fbpx

ByteDance acquista Baike.com: cresce la rivalità con Baidu

10/09/2019

 

L’acquisizione della risposta cinese a Wikipedia ha intensificato la rivalità tra ByteDance e Baidu

 

 

Il colosso cinese Internet ByteDance ha completato la sua acquisizione del servizio di enciclopedia online locale Baike.com. A confermarlo sono i media locali, che ritengono l’acquisizione di un servizio simile a Wikipedia fondamentale per l’ambizione di ByteDance di competere con Baidu sul redditizio mercato cinese della ricerca online.

L’accordo è stato portato a termine in breve tempo. Il 14 agosto ByteDance ha acquisito il 22,22% del capitale di Baike per diventare il maggiore azionista. La mossa è stata seguita dall’acquisizione del restante 77,78% il 27 agosto, rendendo ByteDance il nuovo proprietario di una delle maggiori risposte cinesi a Wikipedia.

 

 

Possedere un’enciclopedia online significa incamerare tutto il traffico di ricerca online

 

 

A differenza del modo in cui Google e Wikipedia si distinguano come attività separate e indipendenti negli Stati Uniti, Baidu e Baidu Baike – in Cina – lavorano in coppia. Il significato per un motore di ricerca come Baidu di possedere un servizio simile a Wikipedia significa che tutto il traffico di ricerca online è racchiuso nel proprio ecosistema.

All’inizio di agosto, ByteDance ha lanciato ufficialmente il suo portale di ricerca dedicato esclusivamente a dispositivi mobili chiamato Toutiao Search, in base al quale i risultati della ricerca provengono da pagine Web e contenuti delle app ByteDance.

 

 

Baidu deteneva quasi il 77% del mercato dei motori di ricerca

 

 

Lanciato nel 2005, Baike.com con sede a Pechino è il principale rivale di Baidu Baike. Concludendone l’acquisizione, ByteDance sta intensificando la sua minaccia per competere con Baidu, che ha goduto del monopolio nel mercato della ricerca online cinese sin dalla sua uscita da Google nel 2010.

Baidu deteneva quasi il 77% del mercato dei motori di ricerca, secondo gli ultimi dati. Sogou sostenuto da Tencent e Shenma, sostenuto da Alibaba, seguono in classifica rispettivamente all’11% e al 4,41%.

Tuttavia, negli ultimi anni le entrate sono diminuite. Baidu ha infatti registrato un utile netto di $ 351 milioni nel secondo trimestre di quest’anno, con un calo del 62% su base annua. Nel primo trimestre ha invece registrato una perdita netta di $ 49 milioni; la prima volta da quando è stata resa pubblica nel 2005.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *