fbpx

Cina, i netizen trascorrono il 15% del tempo a sfogliare brevi video

24/10/2019

 

Un comune utente di Internet cinese consuma oltre sei ore del giorno su dispositivi digitali, concentrandosi su social e brevi video

 

 

I netizen cinesi risultano sempre più incollati, quasi in maniera maniacale, ai loro dispositivi mobili. Un rapporto QuestMobile, in tal senso, rivela che gli utenti più accaniti trascorrono il 15% del tempo, in media circa 22 ore al mese, per realizzare o riprodurre brevi video.

Il denso paese asiatico ha una popolazione Internet di quasi 900 milioni, secondo i dati registrati a giugno. Sulla scia della rapida proliferazione di gadget intelligenti, il tempo trascorso dai netizen cinesi sui dispositivi digitali ha raggiunto le sei ore al giorno, come riportato dalla società di ricerca cinese QuestMobile.

 

 

Le app di video brevi, da giugno, hanno raccolto complessivamente 821 milioni di utenti attivi mensili

 

 

Il tempo trascorso dai netizen nelle app social ha superato la quota del 35%, seguito da piattaforme di video brevi ed altre forme di riproduzione digitale, con quote rispettivamente del 15% e dell’11%. I giochi per dispositivi mobili e le app di newsfeed, poi, si sono posizionate al quarto e quinto posto.

A partire da giugno 2019, le app di video brevi hanno raccolto complessivamente 821 milioni di utenti attivi mensili (MAU) in Cina, in crescita del 32% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Tutto ciò è stato registrato a fronte di una crescita MAU su base annua del 2,4% per l’intero settore dello streaming video online.

 

 

Il flusso di utenti è certificato dalla crescita esponenziale del marchio ByteDance

 

 

A riconferma di una forte attrazione dei netizen cinesi per i video online, basti pensare che la startup più preziosa al mondo – ByteDance – ha guadagnato 588 milioni di MAU a giugno, guidando la scena attraverso la sua matrice di brevi applicazioni video tra cui Douyin (commercializzato come TikTok a livello globale), Xigua Video e Huoshan Video. Il secondo classificato è Kuaishou, sostenuto da Tencent con 340 milioni di MAU nello stesso arco di tempo.

Weishi, app di Tencent specializzata in cortometraggi, nello stesso lasso temporale è entrata in “possesso” di 105 milioni di MAU, anche se, secondo quanto riferito dalla casa madre Tencent – ha erogato sussidi per un valore di $ 242 milioni. L’investimento è stato messo in atto per attirare influencer sulla piattaforma, al fine di incrementare le sue attività di contenuti.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *