Cina, nuova piattaforma per lo smaltimento di batterie NEV

03/08/2018

 

La Cina, ad oggi, ha già prodotto oltre 2,1 milioni di NEV, risultando il maggior produttore di batterie

 

 

La Cina ha lanciato una piattaforma di gestione della tracciabilità integrata per batterie di veicoli di nuova energia (NEV). La novità, che ha fatto il suo esordio il 3 luglio, secondo gli esperti contribuirà a promuovere il riciclaggio di numerose batterie in Cina.

Le statistiche indicano che la Cina, ad oggi, ha già prodotto oltre 2,1 milioni di NEV. Poiché risulta essere il maggior produttore e consumatore al mondo di queste batterie, il loro riciclaggio è diventato un problema. Lo smaltimento improprio, non solo danneggerà l’ambiente e potrebbe comportare un potenziale rischio per la sicurezza, ma è anche uno spreco di risorse.

 

 

La manovra è in via di sviluppo in città come Pechino, Tianjin, Shanxi, Shanghai e Guangdong

 

 

L’implementazione della gestione della tracciabilità è una misura importante per ottenere il riciclaggio di queste batterie, ha dichiarato Xin Guobin, Vice Ministro del Ministero dell’Industria e dell’Informazione della Cina (MIIT).

Xin ha poi sottolineato come la nuova piattaforma aiuterà anche responsabilizzare degli utenti nel processo di riciclaggio, attraverso funzioni come la raccolta e la gestione delle informazioni su di essi. Xin, inoltre, ha rivelato che il ministero prenderà ulteriori misure di supporto per incoraggiare il riciclaggio delle batterie.

Il governo centrale, in tempi passati, aveva già selezionato molte province per mettere in pratica questa nuova forma di riciclaggio delle batterie. Tra queste fanno bella mostra Pechino, Tianjin, Shanxi, Shanghai e Guangdong.

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *