fbpx

E-commerce in Cina: alta competizione, le piattaforme sono una risorsa da conoscere  

03/05/2018

 

Commercio di beni e servizi su piattaforme online in Cina: quali sono le più grandi aziende di commercio elettronico?

 

 

Alibaba e JD.com sono già nomi noti nel mondo dell’e-commerce globale. Tuttavia, il settore dell’e-commerce cinese è destinato ad avere un impatto ancora più forte sull’economia globale, sia perchè le imprese cresciute incontrando un’enorme domanda interna iniziano ad interessarsi al commercio esterno, sia perché l’e-commerce cinese rappresenta sempre più una risorsa importante.

Per conoscere le piattaforme di commercio elettronico e comprendere il mondo digitale in Cina, utilizzandole in un contesto di commercio internazionale, possiamo partire da un’analisi delle più grandi aziende di e-commerce.

 

Il colosso dell’e-commerce cinese per antonomasia è Alibaba, forte sia nel commercio all’ingrosso che al dettaglio

 

Alibaba è stata fondata nel 1999 e ha sede a Hangzhou, in Cina. Il segmento di e-commerce della società offre mercati online e mobile nel commercio sia al dettaglio che all’ingrosso nazionale, oltre all’e-commerce internazionale transfrontaliero.

Le sue attività principali includono Taobao, Tmall e Alibaba.com. Il Marketplace Taobao è la destinazione di shopping C2C più grande della Cina. I commercianti su Taobao sono principalmente individui e piccole imprese. Tmall.com è la più grande piattaforma di vendita al dettaglio B2C di terze parti per marchi nazionali e internazionali che vendono ai consumatori cinesi in cerca di prodotti di marca.

Alibaba.com è la più grande piattaforma di trading B2B al mondo per le PMI impegnate nel commercio di importazione ed esportazione. Alibaba ha visto una forte crescita dei ricavi mentre i brand spostavano le vendite e il marketing online. L’ulteriore espansione internazionale nel sud-est asiatico attraverso investimenti ha aumentato le attività commerciali transfrontaliere e internazionali dei consumatori di Alibaba.

 

JD.Com è il secondo colosso dell’e-commerce cinese, una delle due più grandi piattaforme per la vendita B2B in Cina

 

JD.com è il più grande rivenditore online cinese per fatturato e ha sede a Pechino, in Cina. Fondata nel 1998, JD offre la vendita diretta di prodotti elettronici, merci in generale, libri, elettrodomestici, abbigliamento, cibo e altri beni. JD Mall consente ai venditori locali di aprire i singoli negozi e di importare cibo, bevande, abbigliamento e scarpe direttamente dall’estero.

Il servizio transfrontaliero di JD Mall, JD Worldwide, consente ai commercianti internazionali di vendere direttamente ai consumatori cinesi senza una presenza fisica in Cina. La società ha la più grande infrastruttura di realizzazione di qualsiasi azienda di e-commerce in Cina e ha JD Logistics per fornire ai partner commerciali soluzioni di supply chain, tra cui magazzino, consegna e assistenza post-vendita.

Ha anche portato avanti un progetto di droni commerciali nel tentativo di ridurre notevolmente i costi di trasporto nelle aree remote.

 

Tencent, Baidu e Netease seguono nella lista delle principali piattaforme

 

Tencent è un portale di servizi Internet, fondato nel 1998, che fornisce servizi internet e mobile di telecomunicazione e pubblicità online. Le principali piattaforme web con sede in Cina sono QQ Instant Messenger, QQ.com, QQ Games, il social network Qzone, QQ Music, WeChat, WeChat Pay e Tenpay.

Le piattaforme di Tencent hanno riunito la più grande comunità Internet della Cina, per soddisfare le loro diverse esigenze, incluso l’e-commerce. La notevole quantità di pubblicità che scorre attraverso i servizi di Tencent, così come la sua piattaforma di pagamento online Tenpay e la soluzione di pagamento digitale WeChat Pay hanno reso Tencent un importante attore tra gli e-commerce.

Baidu è il principale provider di ricerca su Internet in lingua cinese fondato a Pechino nel 2000. Offre soluzioni di ricerca su Internet e soluzioni di marketing online e opera come piattaforma di e-commerce con uno strumento di pagamento online. Baidu Wallet offre servizi di pagamento online e mobili che consentono agli utenti di completare transazioni a circuito chiuso senza interruzioni.

Baidu Wallet si integra con Baidu e altri prodotti di terze parti, che facilitano l’acquisto di biglietti per il cinema e servizi forniti da Baidu Nuomi, come il servizio di consegna da asporto della ditta e gli spostamenti quotidiani via Uber. Il segmento iQiyi di Baidu si impegna nel business dei video online.

 

Esiste un business online relativo servizi e prodotti specifici appartenenti a determinate categorie

 

Vipshop è il principale rivenditore cinese di sconti online e società di distribuzione. Fondato nel 2008 e con sede a Guangzhou, in Cina, Vipshop ha oltre 28 milioni di membri e si posiziona come un “centro commerciale di vendita speciale” con le sue vendite flash e offerte per un tempo limitato.

Offre abbigliamento per uomo, donna e bambino; calzature; accessori; borse; abbigliamento sportivo e articoli sportivi; prodotti cosmetici; prodotti di arredamento e tendenza e beni di lusso. È partner di agenti e produttori di marchi nazionali ed esteri che cercano di indirizzare i consumatori cinesi attenti ai brand verso prodotti fortemente scontati in quantità limitata durante periodi di tempo limitati.

Fondata nel 1997, NetEase è una società con sede a Pechino che offre servizi di tecnologia internet online. Opera attraverso segmenti di business come: giochi online, pubblicità, servizi di posta elettronica ed e-commerce. Il segmento e-commerce offre una piattaforma di vendita e pagamento online, applicazioni di e-reading, servizi di matchmaking, musica in streaming e social networking.

Le soluzioni di e-commerce NetEase offrono un portafoglio diversificato di servizi disponibili da mobile e pc per i consumatori cinesi. NetEase ha lanciato Kaola.com nel 2015, che opera su una base simile ad Amazon.com e ha una base di clienti di 15 milioni. NetEase gestisce anche Yanxuan, un’azienda di e-commerce transfrontaliero.

 

Ancora altri e-commerce cinesi hanno preso piede nel mercato internazionale: un settore sempre più competitivo

 

58.Com è un’altra società che ha sede a Pechino. Fondata nel 2005, gestisce i più grandi annunci e piattaforme di quotazione online della Cina. Consente ai commercianti e ai consumatori locali in Cina di connettersi, condividere informazioni e condurre affari.

Il marketplace online di 58.com contiene una grande quantità di informazioni locali aggiornate in circa 380 città, in diverse categorie di contenuti, tra cui immobili, reclutamento, beni usati, automobili, animali domestici, biglietti, pagine gialle e altri servizi locali.

Secondo l’ultimo rapporto dei risultati della società, tra tutte le categorie di 58.com, quella del lavoro ha continuato a crescere sempre più rapidamente anno su anno e rappresenta una delle percentuali di ricavo totale maggiore.

Nell’elenco è possibile aggiungere Jumei International, fondata a Pechino nel 2010, è il principale rivenditore online cinese di prodotti di bellezza, misurato in base al volume lordo della merce. Offre cosmetici di marca, cura della pelle, profumi, prodotti per neonati, bambini e maternità, prodotti di lusso leggero e integratori per la salute.

La società ha tre format di vendita: vendite, shop online e vendite flash. Lo studio Jumei Global dell’azienda offre ai consumatori cinesi un comodo accesso ai prodotti acquistati direttamente dall’estero e consente loro di effettuare pagamenti in RMB. Vende anche prodotti esclusivi, con le sue marche private label.

Autohome è una holding con sede a Pechino, impegnata nello sviluppo, gestione e manutenzione di applicazioni mobile e siti web automobilistici. Si tratta di una delle principali destinazione online per i consumatori di automobili in Cina, offrendo veicoli usati e elenchi aggiornati di rivenditori di automobili.

 

Live streaming, social network e lusso alimentano il commercio online cinese

 

I servizi di abbonamento e di pubblicità dei concessionari dell’azienda consentono ai concessionari di commercializzare le proprie scorte e servizi attraverso la piattaforma di Autohome, che estende la portata dei loro showroom fisici a milioni di utenti web in Cina, per assistere nella vendita.

Autohome fornisce anche altri servizi a valore aggiunto, tra cui finanziamento automatico, assicurazione auto, transazioni di auto usate e servizi post-vendita. Poi dal 2011 esiste Momo, con sede a Pechino, che è un social network di intrattenimento per dispositivi mobili.

Momo consente ai suoi 85 milioni di utenti di stabilire ed espandere le relazioni sociali in base alla posizione e agli interessi. Gli utenti possono scoprire persone e gruppi nelle vicinanze, su bacheche e eventi. La piattaforma offre agli utenti un’esperienza di conversazione arricchita, che consente gli utenti di connettersi tra loro attraverso video brevi e live streaming.

Momo genera entrate grazie a giochi per cellulari, emoticon a pagamento, abbonamenti agli utenti che scelgono il servizio a pagamento e altri servizi di marketing mobile. Infine, degno di nota Little Red Book nato come semplice piattaforma nel 2013, ora è un e-commerce con decine di milioni di utenti interessati ai brand di lusso stranieri.

 

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *