fbpx

Crollo delle vendite di telefoni Huawei in Europa

15/08/2019

 

Si tratta di una delle principali preoccupazioni che attanaglia Android

 

 

Le sanzioni statunitensi su Huawei stanno iniziando a incidere sull’attività dell’azienda cinese nei mercati chiave. Le vendite di smartphone in Europa sono crollate del 16% su base annua nel secondo trimestre, secondo un rapporto della società di ricerche di mercato Canalys, pubblicato lunedì.

 

Mentre le vendite in Cina sono aumentate, grazie al supporto patriottico per l’azienda con sede a Shenzhen, la domanda dei consumatori europei è diminuita dopo che i prodotti in questione sono stati tagliati fuori dai futuri aggiornamenti per il sistema operativo Android di Google per via della politica statunitense di sanzioni.

 

Le spedizioni in Cina di Huawei sono aumentate del 38% anno su anno nel secondo trimestre, come conseguenza, secondo gli analisti, del fervore patriottico tra i clienti cinesi in risposta alle restrizioni statunitensi sulla società.

Google ha ridotto l’accesso di Huawei a futuri aggiornamenti e servizi per il sistema operativo Android dopo che gli Stati Uniti a  maggio hanno inserito Huawei in una lista nera.

La Cina blocca la maggior parte dei servizi Google all’interno del paese, quindi Huawei utilizza una versione modificata di Android per il mercato interno, che manca delle app Google più popolari come YouTube e Gmail.

“Nessun consumatore in Europa vorrebbe un telefono senza i servizi di Google”, ha dichiarato Tiago Alves, vicepresidente di Asia Pacifico ad Aptoide, un app store Android con sede in Portogallo.

Nonostante il calo, Huawei ha mantenuto la sua posizione di secondo maggiore produttore di smartphone in Europa con 8,5 milioni di unità spedite nel trimestre,  Samsung della Corea del Sud ha prodotto 18,3 milioni di unità.

 

Le spedizioni europee di Xiaomi sono cresciute di quasi la metà nel periodo raggiungendo i 4,3 milioni. “Samsung ha rapidamente sfruttato i problemi dell’elenco delle entità statunitensi di Huawei, lavorando dietro le quinte per posizionarsi come un’alternativa stabile nelle conversazioni con importanti rivenditori e operatori”, ha sostenuto Ben Stanton, analista senior di Canalys.

Huawei ha svelato un’alternativa Android chiamata HarmonyOS la scorsa settimana e afferma che il passaggio dei telefoni al nuovo sistema operativo richiederebbe solo pochi giorni, se necessario.

Le sanzioni statunitensi su Huawei non mostrano alcun segno di allentamento mentre il conflitto commerciale con la Cina continua. Il presidente di Huawei, Liang Hua, ha dichiarato il mese scorso che la società dovrà affrontare importanti difficoltà e che i suoi consumatori saranno maggiormente colpiti nella seconda metà del trimestre.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *