fbpx

Dazi USA-Cina: nessun problema per la fornitura di chip Arm a Huawei

26/09/2019

 

L’architettura di progettazione dei chip Arm viene utilizzata nei chipset di HiSilicon presenti in molti dispositivi Huawei

 

 

Arm, progettista di chip britannico, ha confermato che continuerà a fornire Huawei e la sua sussidiaria di semiconduttori HiSilicon. Le restrizioni commerciali statunitensi avevano messo in discussione i legami, secondo quanto riferito dalla BBC citando documenti interni.

L‘architettura di progettazione dei chip di Arm viene utilizzata nei chipset di HiSilicon presenti in molti smartphone e dispositivi mobili di Huawei, ma i legami commerciali hanno costretto Hisilicon a trovare alternative.

 

 

La maggior parte dei chip interni sviluppati da HiSilicon per Huawei si basano sull’architettura Arm

 

 

La società britannica, di proprietà del colosso delle telecomunicazioni giapponese Softbank, ha sempre concesso in licenza le sue tecnologie a semiconduttore, come l’architettura Arm, ai produttori di chip.

La maggior parte dei chip interni sviluppati da HiSilicon di Huawei, incluso il suo chip Kirin, nonché quelli utilizzati in server, telecamere e router, si basano sull’architettura Arm. Secondo quanto riferito, la società ha sospeso gli affari con Huawei a maggio dopo che gli Stati Uniti hanno inserito Huawei in un “elenco di entità” al quale era vietato acquistare tecnologia americana. In precedenza, la società aveva dichiarato in una nota interna che i suoi progetti contenevano “tecnologia di origine americana“.

 

 

Molti fornitori di Huawei hanno stretto legami con l’azienda a causa delle restrizioni commerciali statunitensi

 

 

Arm China, una joint venture creata da Arm e da un consorzio cinese di investimenti lo scorso anno, ha dichiarato che, insieme al suo genitore britannico, non ha mai sospeso le forniture a Huawei dopo che il divieto commerciale degli Stati Uniti aveva preso effetto.

Le tecnologie fornite da Arm provengono dal Regno Unito e non sono influenzate dalle restrizioni commerciali statunitensi“, ha detto ai giornalisti Liang Quan, direttore marketing di Arm China. Huawei avrà quindi accesso all’ultima architettura Armv9 della società, che potrebbe uscire nei prossimi anni e anche il suo utilizzo dell’attuale architettura Armv8 non ne sarà influenzato.

Molti fornitori di Huawei, tra cui Intel e Google, hanno stretto legami con l’azienda a causa delle restrizioni commerciali statunitensi, che hanno già arrecato enormi danni alla catena di fornitura globale di Huawei. Il governo americano, però, ha esteso un periodo di recupero che consente a Huawei di acquistare componenti da fornitori statunitensi esistenti il ​​mese scorso.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *