fbpx

Delivery, l’idea di Segway-Ninebot: usare robot autonomi per ridurre i costi

12/09/2019

 

La questione economica nel settore delivery è pressante: il costo medio per conducente è aumentato tra 1 yuan e 1,5 yuan negli ultimi anni

 

 

La crescita esplosiva dell’e-commerce e dei servizi di consegna di generi alimentari ha sfidato l’industria della logistica globale a tagliare i costi, in particolare nell’ultima parte delle spedizioni, comunemente denominata “ultimo miglio”.
Segway-Ninebot, start up cinese che si occupa di delivery, potrebbe avere la soluzione: robot di consegna autonomi.

Mentre il prezzo medio dei pacchi per le consegne a domicilio in Cina è sceso a 11,9 yuan RMB ($ 1,66) da 24,6 yuan negli ultimi anni, il costo medio per conducente è aumentato tra 1 yuan e 1,5 yuan. Ridurre questa spesa è, quindi, una priorità assoluta.

 

 

La startup cinese si è inizialmente concentrata sullo sviluppo di scooter e robot

 

 

Fondata nel 2015 attraverso l’acquisizione di Segway Inc. – produttore statunitense del promettente trasportatore a due ruote – la startup cinese si è inizialmente concentrata sullo sviluppo di scooter e robot di servizio dotati di intelligenza artificiale.

Successivamente il campo di azione si è espanso nel campo della logistica, con il rilascio del robot di consegna Segway S1, in collegamento con gli operatori di consegna di cibo cinesi Meituan-Dianping ed Ele.me. Ad agosto, la startup ha lanciato il suo robot Segway S2 di seconda generazione per uso interno insieme a Segway X1 per le consegne all’aperto.

Segway S2 è progettato per brevi viaggi in giro per uffici, grandi magazzini, hotel, ospedali e altre strutture al coperto. Per i parchi industriali, i campus scolastici e altri ambienti esterni, il Segway X1 invece utilizza un sistema di navigazione autonomo per consegnare i pacchi.

 

 

Segway-Ninebot impiega un elevato numero di ingegneri per lo sviluppo continuo dei software

 

 

Segway-Ninebot, inoltre, ha anche entusiasmato gli investitori. Nell’ottobre 2017, infatti, ha raccolto $ 100 milioni in una serie C, contribuendo a spingere la sua valutazione attuale a oltre $ 1,5 miliardi.

L’azienda, a fronte di questo grande riconoscimento di fiducia, impiega un numero elevato di ingegneri, molti dei quali impegnati nello sviluppo di un algoritmo di localizzazione e mappatura simultanea visiva: lo VSLAM. Questo è indispensabile per la pianificazione del percorso e l’eliminazione degli ostacoli.

Questi studi hanno portato alla creazione di robot da consegna in grado di identificare gli ostacoli e operare per molte ore. Inoltre, l’intero processo di consegna può essere controllato e monitorato da remoto, riducendo i costi di manodopera.

 

 

Prove dei robot di consegna Segway-Ninebot sono già in corso in diverse località di Pechino e Shanghai

 

 

Per ridurre ulteriormente i costi, Segway-Ninebot può anche contare sulle proprie catene di approvvigionamento per la produzione di Segway S2. Secondo i funzionari dell’azienda, ciò riduce il costo del robot del 30% rispetto a veicoli simili dei suoi concorrenti.

Prove dei robot di consegna Segway-Ninebot sono già in corso in diverse località di Pechino e Shanghai ed in diversi settori, tra cui la consegna pacchi porta a porta e la consegna di cibo nelle ore di punta. Finora, i test hanno percorso quasi 5.000 km e hanno dimostrato una drastica riduzione dei costi di consegna nell’ultimo miglio a 0,05 yuan da 1,5 yuan.

 

 

La concorrenza per Segway-Nineboot è alta, sia dalla Cina che dagli USA

 

 

Nonostante il suo successo, Segway-Nineboot si trova ad affrontare una forte concorrenza da parte di startup statunitensi come Starship Technologies, Marble, Nuro e Dispatch Robotic. Queste sperano tutte di soddisfare la crescente domanda da parte delle aziende di logistica di robot di consegna economici e affidabili.

È stato anche sfidato in Cina da altre startup nazionali, poiché Alibaba, JD.com, Suning.com e altri hanno annunciato piani per costruire flotte di robot di consegna per l’importante “ultimo miglio”.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *