fbpx

Dianrong cerca di raccogliere 100 milioni di dollari

15/04/2019

 

La piattaforma che si occupa di prestiti P2P risponde così al suo periodo di difficoltà

 

 

Dianrong, prestatore peer-to-peer (P2P) cinese, mira a raccogliere 100 milioni di dollari da nuovi investitori e azionisti esistenti, tra cui il fondo sovrano GIC di Singapore, il gruppo di servizi finanziari Orix e il settore dedicato al capitale privato asiatico di Standard Chartered.

 

Per rassicurare gli investitori durante la repressione normativa in corso sul prestito P2P, il co-fondatore di Dianrong, Guo Yuhang, ha dichiarato di aver investito 10 milioni di dollari in azienda alla fine di dicembre.

 

Dianrong, una delle più grandi piattaforme P2P in Cina, è stata in crisi negli ultimi mesi. Il settore del credito online è andato in subbuglio da quando le autorità di regolamentazione hanno iniziato a reprimere le pratiche finanziarie rischiose e le attività fraudolente, che ha portato al collasso molte piattaforme.

A marzo, i segni che annunciavano i problemi finanziari di Dianrong sono diventati evidenti quando la società ha deciso di tagliare fino a 2.000 posti di lavoro e chiudere circa i due terzi delle sue filiali offline. All’incirca nello stesso periodo, gli ex dipendenti hanno accusato la società di restare indietro con salari e indennità di licenziamento.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *