fbpx

DJI investe in droni agricoli

06/12/2018

 

1.000 negozi al dettaglio, 600 centri di formazione sono previsti in tutta la Cina per il 2019

 

 

DJI, il più grande produttore al mondo di droni commerciali per quota di mercato, prevede di investire altri 10 milioni di yuan (1,46 milioni di dollari) in droni agricoli ed istruendo operatori di droni entro l’anno prossimo.

 

Lo scopo è quello di aiutare gli agricoltori a migliorare l’efficienza della irrorazione di pesticidi e ad aumentare le possibilità di utilizzo delle attrezzature agricole intelligenti.

 

DJI ha annunciato che aprirà 1.000 nuovi punti vendita al dettaglio, formerà oltre 20.000 operatori professionali di droni e istituirà più di 600 filiali di formazione in tutta la nazione nel 2019. Aumenterà inoltre i sussidi per l’acquisto di droni agricoli e ne migliorerà i servizi di vendita e la manutenzione e assistenza post-vendita.

L’azienda ha lanciato martedì il suo ultimo drone agricolo, il T16, che presenta una capacità di carico potenziata, oltre a sistemi dinamici per aumentare l’efficienza e l’accuratezza del lavoro. Gli operatori di droni che usano questi droni possono spruzzare pesticidi su circa 10 ettari di terreno agricolo all’ora.

Con la modernizzazione dell’agricoltura, la domanda di dispositivi agricoli avanzati è cresciuta in modo significativo. Le statistiche del settore prevedono che il tasso di penetrazione dei droni agricoli in Cina raggiungerà oltre il 40% nel 2023, con vendite che raggiungerebbero i 16 miliardi di yuan.

 

Il governo cinese ha anche emanato politiche per promuovere l’uso di macchinari agricoli moderni, come l’offerta di sussidi che incoraggiano l’uso dei droni per l’agricoltura.

 

DJI ha detto che è ottimista circa le prospettive per i droni dell’azienda agricola, la richiesta di questo tipo di droni è enorme e l’intero settore è ancora in modalità esplorazione.

Oltre ai droni consumer, che sono utilizzati principalmente nella fotografia aerea, la domanda di droni industriali è elevata in Cina, con applicazioni nell’agricoltura, edilizia, o sicurezza e soccorso in caso di catastrofi.

La società con sede a Shenzhen, nel Guangdong, che attualmente rappresenta il 70% del mercato mondiale dei droni di consumo, dedica particolare attenzione ai droni dell’industria. Nel novembre 2015, DJI ha lanciato il suo primo drone agricolo, l’MG-1, che segna la sua diversificazione nel mercato dei droni industriali.

Ha presentato un drone agricolo aggiornato, l’MG-1S, nel 2016 e l’MG-1S Advanced lo scorso anno, con sistemi radar e dinamici aggiornati. Successivamente, DJI ha lanciato una serie di servizi finanziari a supporto dell’acquisto, dell’operazione e della formazione correlata dei droni.

 

Finora, DJI ha creato oltre 150 filiali dedicate ai droni agricoli, formato 700 insegnanti professionisti e 14.000 operatori di droni.

 

Il Qianzhan Industry Research Institute prevede che il valore del mercato nazionale dei droni agricoli raggiungerà oltre 12,8 miliardi di yuan entro il 2021, con un tasso di crescita composto annuo del 38%.

“Le applicazioni nel settore sono utili a DJI per migliorare la sua tecnologia, e il suo successo nel mercato dei droni consumer aiuterà DJI ad ampliare ulteriormente i suoi campi di applicazione industriale”, ha affermato Pan Xuefei, analista senior presso la società di ricerche di mercato International Data Corp.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *