fbpx

Fine Wines cresce in Cina, a farla da padrone è il vino Solaia

19/12/2017

L’Italia è la terza regione più attiva sul mercato, secondo le più recenti statistiche rilasciate da Liv-ex, l’indice britannico del mercato secondario dei Fine Wines.

Ad apparire tra i primi tre, c’è il vino Solaia della marchesi Antinori, la cui tecnica di lavorazione soffisticata e il gusto estremamente piacevole lo portano ad essere rinomato anche nel paese del Dragone.

“Il Solaia è assai gradito dai consumatori residenti nella città portuale della Dalian, una città economicamente sviluppata che ha un considerevole numero di veri intenditori di vino di alto livello.” Ha affermato il supply manager del Cofco Wine&Wine, il colosso cinese specializzato nell’importazione e distribuzione dei più importanti vini ed alcolici stranieri a livello internazionale, in un recente evento di degustazione di vino Solaia organizzato a Dalian.

Grazie alla crescita del consumo in Cina, i consumatori cinesi ora hanno una conoscenza più approfondita sui vini stranieri, ed un’esigenza più elevata sia sulla qualità che sul rapporto qualità-prezzo.  Molti amanti di vino di alta qualità trovano queste caratteristiche nel vino Solaia, la cui dedizione al gusto e la ricerca nelle materie prime ha conquistato anche gli star internazionali del cinema compresi Tom Cruise, Brad Pitt e Angelina Jolie. Per alcuni consumatori cinesi il Solaia ha una posizione alla pari di Chateau Lafite Rothschild – uno dei vini più prestigiosi e costosi al mondo – ma, con il vantaggio che, rispetto a quest’ultimo, ha un rapporto qualità- prezzo relativamente più vantaggioso.

Secondo i dati dell’associazione delle società operanti nell’importazione e distribuzione sul mercato cinese di bevande alcooliche, dal gennaio fino a settembre dell’anno in corso, i vini importati dal Bel paese hanno registrato una crescita di due cifre, sia in termini di volume che in valore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *