fbpx

Geely acquista una partecipazione in Mercedes, Germania “vigile”

27/02/2018

9 miliardi di dollari investiti da Geely nella casa automobilistica tedesca

 

La Germania continuerà a “vigilare” sulla casa automobilistica cinese Geely, dopo che è diventata il suo più grande investitore, tramite Daimler di Mercedes-Benz.

Il governo tedesco ha avvertito che l’accordo non dovrebbe essere usato come un “gateway” per gli interessi della politica industriale cinese.

Geely, che ha acquistato una quota del 9,7%, dice di sperare in una cooperazione con il gigante automobilistico tedesco per produrre auto elettriche. L’azienda cinese è già pienamente proprietaria della società di taxi svedese London Taxi Company.

L’investimento di 9 miliardi di dollari di Geely ha sollevato alcune preoccupazioni, l’azienda cinese cerca l’accesso alla tecnologia e all’innovazione in cambio dell’accordo. Il governo tedesco ha dichiarato che non avrebbe bloccato l’investimento, ma il ministro dell’Economia Brigitte Zypries ha risposto con raccomandazioni: deve “mantenere uno sguardo particolarmente attento”.

La Germania è “un’economia aperta, che accoglie gli investimenti, a patto che siano in linea con il mercato”, ha dichiarato al quotidiano tedesco Handelsblatt.

 

E se la Cina stesse avendo troppa influenza sull’UE?

 

Ciononostante, l’apertura della Germania dovrebbe “non essere utilizzata come porta d’ingresso per gli interessi di politica industriale di altri stati”, ha affermato.

Tra le preoccupazioni c’è il timore che le imprese cinesi possano influenzare eccessivamente le economie europee attraverso investimenti stranieri. Alcuni lamentano anche che l’UE è molto più aperta agli investimenti dall’estero di quanto permetta Pechino sul suo territorio.

La Cina è ampiamente considerata il più importante mercato futuro per le case automobilistiche globali. In una dichiarazione di Geely, il signor Li ha detto che voleva “accompagnare Daimler sulla strada per diventare il principale fornitore di elettro-mobilità al mondo”, e stava cercando un impegno a lungo termine.

Descrivendo ciò che ha definito una “visione strategica”, ha sostenuto quelli che sono considerati “gli invasori esterni” del settore automobilistico tradizionale, il che comporta per le aziende la necessità di cooperare attraverso partnership e alleanze.

Le case automobilistiche tradizionali stanno affrontando sempre più la concorrenza dei nuovi arrivati ​​del settore tecnologico, tra cui Tesla e Waymo associati a Google.

 

Nel frattempo anche Daimler investe in Cina

 

Lo scorso fine settimana Daimler ha annunciato un investimento di 1,9 miliardi di dollari in una partnership con un’altra azienda automobilistica cinese, BAIC.

I soldi andranno a modernizzare un impianto BAIC per costruire auto Mercedes, compresi i veicoli elettrici, hanno dichiarato le due società. Daimler e BAIC stanno già collaborando nel mercato cinese, dove la produzione straniera è spesso consentita solo attraverso partnership con aziende cinesi.

La scorsa settimana, l’altra casa automobilistica tedesca BMW ha annunciato un accordo con il costruttore cinese Great Wall Motor per la costruzione di minivan elettrici in Cina, destinati al mercato locale.

Il governo cinese ha affermato che il 20% delle auto vendute entro il 2025 dovrebbe essere costituito da veicoli elettrici o ricaricabili-ibridi, un obiettivo che spinge molte case automobilistiche ad incrementare i propri investimenti in Cina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *