fbpx

Gli smart watch sostituiranno gli smartphone

20/11/2018

 

Lo afferma il CEO di Huami, società che si occupa di dispositivi smart indossabili

 

 

Durante il TechCrunch Shenzhen 2018, il presidente e CEO di Huami Corporation, Wang Huang, ha parlato del futuro dei dispositivi mobile. Huami, una società parte di Xiaomi, quotata alla Borsa di New York nel febbraio di quest’anno, a partire dall’anno scorso, ha spedito 18,1 milioni di unità di dispositivi smart nel mondo e ha registrato una base di utilizzo totale di registro pari a 56,1 milioni.

Wang Huang ha spiegato ai partecipanti che Huami crea smartphone dal 2014. La terza generazione di Mi Band 3 è dotata della tecnologia Near Field Communication (NFC) che può essere utilizzata sulle reti di autobus e metropolitane in oltre 160 città in tutta la Cina e può anche aprire serrature computerizzate.

 

“I dispositivi indossabili sono entrati rapidamente a far parte di questo mondo, soprattutto nel settore dell’assistenza sanitaria”, ha affermato. “Credo che un giorno gli smart watch prenderanno il posto degli smartphone.”

 

Wang Huang ha introdotto il chip IA indossabile auto-sviluppato di Huami, Huangshan-1, creato utilizzando l’architettura ISA RISC-V. “Questo chip consente a Huami di eseguire il monitoraggio della frequenza cardiaca e controllare un numero di disturbi cardiaci”, ha detto Wang.

Attinge dall’IA basata sul cloud per rivelare malattie tramite piccoli oggetti come un braccialetto o un orologio. Anche quando non sei online, aggiorna le tue statistiche sulla salute, ha aggiunto Wang discutendo del posizionamento nel mercato di Huami come società che raccoglie dati fisici sui propri clienti.

Come azienda di dispositivi intelligenti orientata all’utente, Huami raccoglie dati sulla salute e suggerisce ulteriori servizi in un modello aziendale chiuso. I dati raccolti dicono che fino all’ultimo festival dello shopping, Singles Day (11 novembre), Huami aveva venduto più di 30 milioni di unità di Mi Band 2. Negli ultimi cinque mesi, ha spedito più di 10.000 Mi Band 3.

 

Wang ha detto che Huami è cresciuto ancora più velocemente oltreoceano che in Cina. L’Europa è ora il secondo mercato più grande dell’azienda. La passione degli europei per lo sport è un fattore chiave che contribuisce, ha spiegato.

 

Huami sta cercando vari partner in tutto il mondo. La società sta collaborando con aziende israeliane per sviluppare algoritmi e con istituti di ricerca universitari norvegesi per sviluppare tecnologie mediche. A livello globale, Huami collabora con Google e altre importanti aziende ed è in grado di sfruttare i canali aperti dal suo partner Xiaomi.

In Cina, Huami si concentra sulla cooperazione con investitori e sviluppatori di app. Wang Huang ha parlato di un produttore di orologi e bande intelligenti in grado di monitorare i residenti delle case di cura per anziani e dei maratoneti che usano Huami per rilevare i loro progressi a intervalli di 3 chilometri.

 

Wang ha parlato del rapporto di Huami con Xiaomi, il suo secondo maggiore azionista e principale canale nel mercato.

 

“Huami si posiziona come azienda di big data nel settore dello sport e della salute. Xiaomi si posiziona più a monte, come una delle principali piattaforme IoT“, ha detto Huang riferendosi all’Internet of Things. Le due aziende lavorano a stretto contatto e hanno ecosistemi interconnessi.

Wang ha detto che il mondo tecnologico dovrebbe prestare attenzione al nuovo “rivoluzionario”  dispositivo indossabile intelligente che Huami lancerà nel 2019.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *