fbpx

Gli Stati Uniti in disputa per la vendita di MoneyGram ad Ant Financial cinese

03/01/2018

 

 

La filiale finanziaria di Alibaba perde 1,2 miliardi di dollari per MoneyGram dopo che il gruppo statunitense ha negato l’acquisto per la sicurezza nazionale.

 

 

Il governo statunitense ha respinto l’acquisizione di MoneyGram International Inc da parte di Ant Financial, per problemi di sicurezza nazionale. Così ha dichiarato l’azienda americana, secondo l’ultimo accordo cinese silurato sotto l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Il collasso dell’operazione da 1,2 miliardi di dollari rappresenta un duro colpo per Jack Ma, presidente esecutivo del colosso del web cinese Alibaba, anche proprietario di Ant Financial insieme ai dirigenti di Alibaba. Ma aveva promesso a Trump, nel gennaio 2017, che avrebbe creato 1 milione di posti di lavoro negli Stati Uniti.

Le azioni di MoneyGram sono diminuite dell’8,5% a 12,06 dollari nel trading post-vendita. Le società hanno perciò deciso di rescindere il loro accordo dopo che la Commissione per gli Investimenti Esteri negli Stati Uniti (CFIUS) ha respinto le loro proposte di mitigare le preoccupazioni sulla sicurezza nazionale, stando a fonti che hanno familiarità con le discussioni riservate.

Una revisione della CFIUS standard dura 75 giorni e le aziende hanno affrontato l’analisi tre volte per rispondere ai timori delle società coinvolte. Ulteriori misure e protocolli di sicurezza suggeriti dalle aziende non sono riusciti a rassicurare la CFIUS, affermano le stesse fonti.

Il governo degli Stati Uniti ha rafforzato la propria posizione sulla volontà e decisione di vendere società ad entità cinesi, in un momento in cui Trump sta tentando di fare pressione sulla Cina per contribuire a contrastare le ambizioni nucleari della Corea del Nord e ad essere più accomodante su questioni commerciali e di cambio.

L’accordo con MoneyGram è l’ultimo di una serie di acquisizioni cinesi di società statunitensi che non sono riuscite a togliersi dai giochi. Includono il fondo buyout sostenuto dalla Cina Canyon Bridge Capital Partners LLC con 1,3 miliardi di dollari di acquisizione del produttore americano di chip Lattice Semiconductor Corp, l’acquisizione di 2,7 miliardi di dollari della assicurazione per la vita statunitense Genworth Financial Inc da parte della Oceanwide Holdings Group Co Ltd e l’acquisizione di 1,4 miliardi di dollari da parte dell’acquirente cinese Orient Hontai Capital della società americana di marketing mobile AppLovin.

“Nonostante i nostri migliori sforzi per cooperare con il governo degli Stati Uniti, è ormai chiaro che la CFIUS non approverà questa fusione”, ha commentato in una nota l’amministratore delegato di MoneyGram, Alex Holmes.

Ant Financial e MoneyGram hanno dichiarato che ora elaboreranno e svilupperanno iniziative per lavorare insieme al servizio di pagamenti digitali in Cina, India, Filippine e altri mercati asiatici, così come negli Stati Uniti.

La compagnia con sede a Hangzhou ha concluso un accordo da 18 dollari per azione per acquisire MoneyGram ad aprile prossimo, in previsione della concorrenza della statunitense Euronet Worldwide Inc, che ha ricevuto un’offerta non presentata a MoneyGram e ha apertamente esercitato pressioni sui legislatori statunitensi, sostenendo che la proposta di Ant ha messo in rischio l’intera sicurezza nazionale.

Un portavoce di Euronet non ha risposto subito ad una domanda sul fatto che Euronet sarebbe tornata con una nuova offerta per MoneyGram. Ant Financial dice di aver pagato a MoneyGram una commissione di 30 milioni di dollari per la fine del contratto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *