I guadagni di Tinder superano qualsiasi aspettativa

08/08/2018

 

Match Group batte le stime degli analisti nonostante un ecosistema di incontri online molto competitivo

 

 

Match Group, la società madre di alcune delle più popolari piattaforme di incontri online, ha pubblicato i suoi utili trimestrali, una prospettiva che ha battuto le stime degli analisti, grazie ai nuovi abbonati a Tinder nonostante la crescente concorrenza.

Le azioni sono aumentate di circa il 9% nel trading esteso. Le entrate sono balzate del 36% a 421,2 milioni di dollari nel secondo trimestre, superando la previsione media di 413,3 milioni di dollari, secondo i dati compilati da Bloomberg.

La società con sede a Dallas, in Texas, ha riportato un utile operativo di $ 150,2 milioni, in aumento dell’81% rispetto all’anno precedente, è quanto dichiarato dalla società ieri in una nota. I guadagni sono stati di 45 centesimi per azione, superando le proiezioni di 32 centesimi.

Tinder, l’app che ha fatto “swipe right” e “swipe left” per esprimere approvazione o eliminare un potenziale  partner del volgare millenario, è il motore di crescita di Match. L’ha spiegato l’amministratore delegato Mandy Ginsberg in un’intervista telefonica.

 

Sebbene l’app di base per Tinder sia gratuita, le funzionalità extra hanno un prezzo, contribuendo a incrementare le entrate dirette del 136% nell’ultimo trimestre.

 

L’app vanta oltre 3,7 milioni di abbonati, con un incremento dell’81 per cento rispetto al secondo trimestre del 2017. Gli abbonati totali dei 45 marchi di Match Group sono arrivati a un totale di 7,7 milioni nei tre mesi fino al 30 giugno.

Basato su tale dinamica, Match ha dichiarato che prevede un fatturato di 440 milioni di dollari nel trimestre in corso. In anticipo rispetto alla previsione media degli analisti di 426,4 milioni di dollari. Per l’intero anno, Match ha raccolto la fascia più alta di tutti i suoi competitor, con entrate da 20 milioni a 1,72 miliardi di dollari.

Match Group opera in un ecosistema di incontri online competitivo che comprende aziende come Coffee Meets Bagel e Bumble, che presenta anche un’interfaccia utente a scorrimento. Facebook è il concorrente più recente.

Il gigante dei social network ha portato le azioni di Match’s a un calo del 22% a maggio, quando ha annunciato l’intenzione di lanciare la propria piattaforma di incontri online. Da allora il Match Group si è ripreso e  ha guadagnato circa il 24%.

 

“Le persone usano più prodotti” per cercare un partner, ha affermato Ginsberg, che all’inizio dell’anno ha assunto la carica di CEO. “E pensiamo di offrire ottimi prodotti”.

 

A differenza di molte piattaforme di social media, Match Group non è orientato alla pubblicità: solo il 3% delle entrate per il periodo che termina il 30 giugno proviene dalla pubblicità, ha dichiarato Ginsberg.

La parte restante dei guadagni deriva dai canali diretti, compresi gli abbonamenti a pagamento che offrono agli utenti l’accesso a funzionalità premium che consentono loro di migliorare i propri profili o visualizzare prima i match più probabili.

Questa funzionalità è uscita con Picks all’inizio dell’estate, una aggunta di Tinder Gold che mette in evidenza gli incontri più probabili tra gli utenti. Sarà introdotta nelle prossime settimane anche Tinder U, che si rivolge alla popolazione demografica college-student.

“Molto di quello che vedi è il risultato degli sforzi per assicurarsi che il prodotto di base sia divertente e coinvolgente”, ha detto Ginsberg. “Dobbiamo fare in modo di restare appetibili e fare emozionare le persone che dai 18 ai 22 anno”.

 

Match Group ha anche aggiunto al suo portfolio le app di incontri Plenty of Fish e OkCupid, nel secondo trimestre. La società a giugno ha acquistato una partecipazione del 51% in Hinge, che si propone come alternativa per appuntamento tra persone che cercano relazioni più serie.

 

Il contributo di Hinge potrebbe sembrare non importante a questo punto, ma dal momento che la base di utenti è cresciuta di circa il 400% da settembre 2017, la piattaforma potrebbe apportare un “solido contributo” nel tempo.

È quanto John Blackledge, analista di Cowen & Co., ha scritto in una nota prima che venissero dichiarati i guadagni. Match Group prevede di recuperare le quote rimanenti di Hinge entro la fine dell’anno, ha dichiarato Ginsberg.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *