fbpx

Guerra de dazi: Cina e Stati Uniti siglano un “accordo di massima”

02/11/2019

Una nota del Ministero del Commercio cinese fa sapere che la Cina ha raggiunto “un consenso in linea di principio” con gli Usa. La svolta arriva dopo la telefonata di oggi tra i rispettivi negoziatori

Cina e Stati Uniti arrivano ad una svolta nella guerra dei dazi? Nella mattinata di oggi, il vicepremier cinese Liu He, nonché capo delegazione della Repubblica Popolare nelle trattative con Washington sui dazi commerciale, in una telefonata con la controparte Usa guidata dal rappresentante per il Commercio Robert Lighthizer e il Segretario al Tesoro Steven Mnuchin, sembra finalmente aver raggiunto “un accordo di massima”.
Il nuovo round di negoziati era già stato anticipato nei giorni scorsi, ha permesso alle parti di condurre discussioni “serie e costruttive” sui punti centrali del dossier commerciale e di discutere i preparativi per le prossime consultazioni. La Cina, in particolare, ha detto di aver raggiunto “un consenso con gli Usa in linea di principio”, come si legge in una nota del Ministero del Commercio cinese.
Washington, da parte sua, ha rilevato in un comunicato che i rappresentanti sul commercio “hanno fatto progressi in una varietà di aree e sono nella fase di risolvere le questioni in sospeso. Le discussioni continueranno a livello di vice”.
Ad agosto, Usa e Cina avevano raggiunto la tregua sui dazi allo scopo di iniziare a lavorare ad una fase iniziale dell’accordo sul commercio che, secondo la definizione data dallo stesso Presidente americano, rappresenterebbe circa il 60% dell’intesa di lungo termine. Non manca tuttavia lo scetticismo, sia da parte cinese per la “natura impulsiva” di Donald Trump, ma neanche l’alta finanza di Wall Street, che da sempre auspica una tregue commerciale, teme che i risultati deluderanno le aspettative.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *