fbpx

E-Hailing: Un settore in rapida crescita in Cina

10/12/2019

Il mercato dell’e-hailing sta esplodendo in Cina. Adesso anche aziende come Ctrip, Tencent e Alibaba stanno esplorando il potenziale del mercato

 

Il più grande mobility market al mondo? Ancora una volta è la Cina, un Paese dove nuove tecnologie, e-commerce e le ultime innovazioni nel settore automobilistico sembrano fondersi e dialogare sempre più.
I consumatori cinesi sono così disposti a provare le ultime innovazioni digitali che stanno letteralmente cambiando il modo in cui le persone concepiscono i trasporti. Il punto non è più quale modalità di trasporto utilizzare, bensì arrivare a destinazione nel modo più conveniente e senza problemi utilizzando solo il telefono cellulare.

Secondo un rapporto della società di consulenza Bain & Company, il mercato cinese riguardante l’e-hailing ammonta ora a circa 45 miliardi di dollari, una somma che da sola equivale a più del resto del mondo. E potrebbe più che raddoppiare entro il 2020. Per non parlare del fatto che, sebbene nelle sue fasi iniziali, il mercato dell’ e-hailing ha un potenziale enorme. Secondo i dati, è cresciuto da $5 miliardi con 30 milioni di utenti nel 2014 a $ 30 miliardi con 217 milioni di utenti nel 2017. Bain & Company stima che il volume della posta elettronica salirà di undici volte dal 2015 al 2020 per un totale di $ 72 miliardi. Una previsione che le aziende cinesi non intendono ignorare.

Le piattaforme di taxi-hailing cinesi erano già finite sotto i riflettori allorquando i giganti Kuaidi e Didi si sono fuse nel 2015, lanciando un servizio chauffeur che prima era conosciuto solo attraverso Uber fuori dalla Cina. Quattro anni dopo, il risultato è che ora anche Ctrip sta aggiungendo questa funzione nel suo portfolio di servizi.

Lo scorso luglio, la più grande agenzia di viaggi online della Cina ha infatti annunciato di aver integrato dieci servizi di trasporto passeggeri in tutto il mondo nella sua app per offrire vari servizi di mobilità in 785 città, coprendo Stati Uniti, il Sud-est asiatico, l’Europa, l’Asia occidentale, il Nord Africa e alcuni paesi del Sud America .

Dato che Ctrip è utilizzato principalmente dai cinesi, questa mossa è risultata strategica per attrarre e facilitare i turisti della Repubblica Popolare che viaggiano all’estero. Secondo un comunicato stampa, infatti, l’app Ctrip ha deciso di collaborare con alcune realtà di car – hailing locali, fornendo anche traduzioni online per aiutare gli utenti a comunicare con i conducenti locali, consentendo al contempo il pagamento in RMB.

Questa recente mossa di Ctrip potrebbe rappresentare una minaccia per Didi Chuxing, la più grande piattaforma cinese del settore. In effetti, proprio come Ctrip, Didi sta cercando di espandersi a livello globale e di stringere relazioni con altre startup che si rivolgono a turisti cinesi all’estero.

 

Ctrip e Didi non sono gli unici giganti cinesi a esplorare le opportunità offerte dal mercato della mobilità. Anche colossi come Tencent e Alibaba ora investono nel settore.

 

Recentemente Alibaba, Tencent, Suning e case automobilistiche cinesi come Chongqing Changan Automobile hanno creato una joint-venture congiunta valutata $ 1,5 miliardi. A marzo, la Chongqing Changan Automobile ha dichiarato di aver investito circa $ 238,36 milioni in una nuova società insieme a First Automotive Works di proprietà statale e Dongfeng Motor.

Che il dominio di Didi possa essere messo in discussione non solo da Ctrip? Probabile, ma è ancora presto per dirlo. Tuttavia negli ultimi due anni, Didi Chuxing è stata sì la forza dominante in Cina, e il suo successo ha portato alla nascita di numerosi concorrenti tra le società Internet e le case automobilistiche, ma è pur vero che molti scandali hanno colpito di recente la piattaforma e sembrano averne minato la credibilità. Ecco quindi che la concorrenza sembra essere tornata all’attacco.

Allora perché le grandi aziende hi-tech cinesi, anche concorrenti, stanno investendo congiuntamente nella mobilità? Come accennato in precedenza, la Cina rappresenta il più grande mercato della mobilità al mondo. Le piattaforme di taxi e servizi di e-hailing contano già oltre 200 milioni di utenti nel Dragone. PARadossalmente sono proprio i turisti cinesi che, vogliosi di trovare un medesimo servizio all’estero, stanno esportando questa rivoluzione della mobilità e stanno guidando già la maggior parte degli altri paesi nell’adozione digitale di tali servizi.

Secondo lo studio di Bain & Company, contrariamente ad altri paesi come la Germania o gli Stati Uniti, i consumatori cinesi utilizzano ampiamente i servizi di bike sharing e e-hailing e salvo rari casi, utilizzano l’autonoleggio. Essendo la Repubblica Popolare una mobile-society consolidata, il successo di questa rivoluzione della mobilità è, quindi, in parte dovuto alla popolarità dei pagamenti mobili. Inoltre, la congestione stradale nelle grandi città cinesi è un fattore rilevante nella preferenza dei consumatori per i servizi di e-grandine.

 

In questo quadro, già il 50% di tutte le corse operate da app come Didi sono ordinate direttamente da piattaforme popolari come WeChat, AliPay e Meituan.

 

Senza contare che sono in tante le famiglie che volutamente decidono di non comprare una macchina. Questi ragazzi, non considerano più la proprietà dell’auto come un simbolo di identità e la prova risiede nel fatto che il divario tra chi ha un’auto di proprietà e il numero di persone che hanno la patente di guida si sta allargando di anno in anno. Inoltre, i millennial cinesi sono più disposti a pianificare i loro viaggi nel modo più conveniente richiedendo servizi di mobilità personalizzati, multimodali e di alta qualità.

Un altro fattore per entrare nel settore della mobilità condivisa è la spinta del governo verso la sostenibilità e l’automazione. In un passaggio nazionale verso un’economia di alto valore e sostenibile, Pechino sta promuovendo con forza i veicoli elettrici con sussidi governativi. Ciò contribuisce in parte all’aumento delle vendite che hanno raggiunto oltre 1,2 milioni nel 2018 e dovrebbe raggiungere 1,6 milioni nel 2019.

Le grandi aree metropolitane cinesi mirano a costruire città a basse emissioni e basso consumo energetico, il che significa che l’elettrificazione di tutti i trasporti pubblici e personali è diventata la priorità assoluta. Pertanto, nel corso degli anni, le società domestiche hanno accelerato il loro passaggio verso l’elettricità e, allo stesso tempo, si sono affrettate a lanciare programmi di car-sharing per promuovere i loro veicoli elettrici.

Sulla base di questi fattori, la percentuale di mobilità condivisa dovrebbe aumentare e tale modello svolgerà un ruolo cruciale nello sviluppo di un sistema di trasporto urbano sostenibile in Cina.

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *