fbpx

Pagamenti agevolati e “Hongbao”: le strategie di Jack Ma per il Singles Day

07/11/2017

 

Alibaba punta al nuovo record: 20 miliardi di dollari per il giorno dei Single

 

Manca poco al “Singles Day”, la giornata di super offerte e promozioni online più attesa dai consumatori cinesi. Il Singles Day, chiamato anche “11-11”, fu lanciato per la prima volta da Alibaba l’11 novembre del 2009. Un evento radicato nella cultura cinese, che ogni anno frantuma il record precedente. Quest’anno, voci di corridoio non ufficiali ci rivelano che l’obiettivo di vendita prefissato dal gruppo Alibaba sarà di 150 miliardi RMB, circa 19,43 miliardi di euro.

 

Quali sono le strategie di Jack Ma per il Singles Day 2017?

 

Il colosso cinese offrirà un apposito strumento di promozione che permette ai singoli venditori di erogare coupon digitali, o qualsiasi altro oggetto fisico di valore per attirare i consumatori. Inoltre Alibaba utilizzerà diverse tipologie di strategie promozionali: alcune applicabili su tutti i prodotti presenti sulla piattaforma fisse, altre solo per certe categorie merceologiche, altre ancora solo per gli acquisti effettuati in uno store specifico.

La soluzione che ha destato più interesse quest’anno è il cosiddetto “incremento dell’acconto”, applicata su quasi tutti i prodotti in prevendita. Questo espediente consiste nel rilasciare una somma di denaro in acconto per un articolo in prevendita, che subisce poi un incremento precedentemente prefissato dal venditore che varia da uno, due o fino a venti punti. Ad esempio, su un articolo in prevendita viene esposto “acconto 20 RMB, valore effettivo 100 RMB”, significa che i 20 RMB prepagati avranno un valore di 100. In sostanza, se il prezzo dell’articolo è di 1000 RMB, il consumatore paga 20 RMB in acconto che valgono però 100 RMB, e la parte restante che deve pagare alla fine al momento dell’acquisto è 900 RMB.

Questa tattica di promozione (una sorta di prevendita) aiuta i venditori e gli operatori di logistica a individuare meglio quali sono le città in cui sarà necessario preparare maggiori disponibilità di merce in magazzino, in modo tale da velocizzare i tempi di consegna. Parallelamente creerà psicologicamente una sensazione di convenienza nei consumatori, dato che essi con una somma esigua potranno ricevere un controvalore molto più alto. Anche le famose “hongbao”, le cosiddette buste rosse virtuali tipiche della cultura cinese, saranno rese attive per gli utenti, consentendo loro di inviare ad amici e parenti piccole somme di denaro virtuale. Questi infatti  potranno cercare le “buste rosse” negli store online oppure invitare gli amici e parenti tramite Weibo o WeChat per accendere la “torcia di hongbao”; questa iniziativa è molto mirata ad un preciso obiettivo di marketing, ossia attirare nuovi utenti. Soprattutto i 700 milioni di users attivi ogni giorno su WeChat.

Le buste rosse, o “red envelope”, sono una delle feature più caratteristiche del web cinese, e pare essere un’usanza che non si fermerà alla sola Repubblica Popolare: è notizia recente l’annuncio di Facebook del lancio in fase di test dei red envelope, in perfetta linea con il trend che vede le piattaforme social ed e-commerce americane ispirarsi sempre più spesso a quelle cinesi, tema che abbiamo affrontato pochi giorni fa.

 

Coupon e rateizzazione: le innovazioni di Alibaba per agevolare i pagamenti dei consumatori.

 

Ma la fervida mente di Jack Ma e del suo team non si ferma qui: il gigante di Hangzhou ha infatti in programma il lancio di modalità di pagamento agevolate. Altre forme di offerte sono coupon digitali al raggiungimento di una certa soglia stabilita dal venditore: ad esempio un coupon da 20 RMB a fronte di una spesa di almeno 299 RMB. Un altro incentivo è la rateizzazione dei pagamenti senza interessi con il sistema di credito Huabei, una sottodivisione dell’affilliata finanziaria di Alipay. Sembra proprio che, oltre ad abbattere i record numerici, quest’anno Alibaba abbia tutte le intenzioni di alzare l’asticella anche per quanto riguarda il servizio ai consumatori. 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *