fbpx

Honor of Kings si avvale del sistema di classificazione Tencent che premia i giocatori “civilizzati”

14/12/2017

Il gigante cinese di Internet Tencent, proprietario del videogioco online dal maggior incasso al mondo, Honor of Kings, ha introdotto un sistema di classificazione per i giocatori di videogiochi in quello che si dice sia un impegno a frenare i comportamenti sleali; poco dopo aver introdotto un sistema di punteggio più ampio in un tentativo di tenere il passo con la concorrenza.

 

La più grande società di giochi al mondo ha dichiarato sul proprio sito web che il sistema valuta diversi aspetti del comportamento dei giocatori per fornire loro un punteggio di crediti. Spendere più soldi nei giochi e non barare contribuirebbe anche ad elevare lo stato del credito, che sarebbe valutato su base mensile.

 

Il sistema mirerebbe ad “incoraggiare i giocatori a mantenere comportamenti di gioco civilizzati e sani”, ha dichiarato la compagnia. Non ha specificato in che modo i punteggi avrebbero un impatto sugli utenti del gioco e non ha fornito ulteriori dettagli.

Tencent ha introdotto il mese scorso un sistema di credit scoring per gli utenti di tutti i suoi servizi, circa due anni dopo che il suo principale rivale, Alibaba Holding, ne aveva lanciato uno per gli utenti della sua Ant Financial, usata per i pagamenti mobile.

I sistemi di punteggio di credito sono utili perché consentono alle aziende di ridurre i rischi quando utilizzano enormi quantità di dati sui consumatori che raccolgono a fini promozionali e pubblicitari.

Honor of Kings ha già 200 milioni di utenti in Cina, permettendo a Tencent l’accesso a molti dati, e il mese scorso ha dichiarato che avrebbe distribuito il popolare gioco dello “sparatutto”, PlayerUnknown’s Battlegrounds, in Cina. Il gioco, sviluppato dal Bluehole Studio della Corea del Sud, ha accumulato oltre 20 milioni di giocatori in tutto il mondo, dal suo debutto a marzo.

 

Tencent ha affrontato diverse critiche in Cina per la tipologia dei suoi giochi, e a luglio ha imposto limiti ai tempi di gioco per gli utenti di Honor of Kings più giovani, in risposta a una protesta pubblica contro la dipendenza da gioco.

Gli analisti hanno osservato che il sistema di crediti per i giochi potrebbe aggravare la situazione.

“Secondo i nostri test, la quantità di denaro speso per i giochi gioca un ruolo più importante nel decidere i punteggi di credito di un utente. Il sistema potrebbe avere un effetto negativo su quanto originariamente previsto.”, dice Chen Xiaohuan, analista presso iResearch di Pechino.

Ha notato che il sistema è ad una fase preliminare, poiché attualmente valuta solo i giocatori registrati con un account QQ, non attraverso il servizio WeChat, che è più utilizzato da Tencent.

La Cina vorrebbe eliminare questo gioco che è uno dei fattori chiave che contribuisce alla crescita di Tencent, avendo rappresentato il 47% dei suoi quasi 152 miliardi di yuan (22,95 miliardi di dollari) di entrate lo scorso anno. La popolarità di Honor of Kings ha contribuito a riportare un utile netto del 69% nei tre mesi fino a settembre di quest’anno, con ricavi da smartphone che crescono dell’84%, a 18,2 miliardi di yuan durante il periodo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *