fbpx

IDG punta al futuro: investimenti su turismo e assistenza sanitaria

19/03/2018

 

In Cina sta cambiando anche il modo in cui gli abitanti spendono il denaro

 

 

La Cina sta cambiando e, di conseguenza, muta anche il modo in cui i suoi abitanti spendono il denaro. Tra le diverse realtà economiche a notare questa trasformazione c’è anche IGD Capital, che ha deciso di spostare il proprio focus in progetti a lungo termine in aree riguardanti il turismo e l’assistenza sanitaria.

IDG – azienda di investimenti globali con circa $ 3,6 miliardi in gestione – è una delle prime società per quel che riguarda il venture capital in Cina. Zhai Ping, partner della stessa IDG, ha spiegato la strategia: “La maggior parte dei nostri fondi è di 10 anni. I progetti di turismo e assistenza sanitaria richiedono lunghi periodi di incubazione ed è improbabile che abbiano successo con una regola di investimento quinquennale”.

 

 

L’interesse per il turismo a lungo termine in una strategia elaborata dal Governo cinese

 

 

L’interesse per il turismo a lungo termine, però, va ricercato anche in una strategia elaborata dal Governo cinese, che vuole spostare la dipendenza degli investimenti da parte dell’economia nazionale verso un settore che sta producendo ottimi risultati nell’ultimo periodo.

Il giro d’affari del turismo interno ha raggiunto, nel primo semestre del 2017, una cifra vicina ai 2,17 trilioni di yuan, con un aumento quasi del 300% rispetto al 2007. Nell’ottica IDG, Zhai Ping ha confermato i primi successi a Wuzhen, una città nei pressi di Shanghai.

 

 

Nel 2030 la Cina avrà un quarto della popolazione oltre i 60 anni

 

 

L’interesse per l’assistenza sanitaria, invece, è strettamente collegato ai cambiamenti della Cina. In futuro, infatti, il paese sarà pieno di anziani che necessiteranno di assistenza medica: un quarto della popolazione avrebbe 60 anni o più entro il 2030, rispetto al 13,3% nel 2010

Secondo Zhai Ping “ci sono fugaci punti focali di investimento, ma in generale sono ottimista sull’aggiornamento dei consumi “.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *