fbpx

Il cioccolato conquista la Cina

15/11/2017

I millennials cinesi sempre più aperti al mondo e a nuovi gusti, stanno aprendo nuovi orizzonti di crescita per il mondo occidentale. Secondo quando riportato dai quotidiani, nel mercato cinese sta emergendo un gran numero di amanti del cioccolato tra i giovani consumatori. L’azienda di Zurigo Barry Callebaut, leader mondiale nella produzione di prodotti a base di cacao e derivati, è già intenzionato ad aumentare le produzioni in Cina.

Fino all’anno scorso, il cioccolato belga Godiva ha aperto circa cento punti vendita in Cina, con l’intenzione di portare questo numero fino a due cento entro il 2020. Anche il gruppo Ferrero ha costruito una fabbrica di cioccolato nella città di Hangzhou nel 2014, per venire incontro alle esigenze dei consumatori cinesi, tanto da diventare attualmente uno dei brand più apprezzati del dragone.

Grazie all’aumento del tenore di vita medio, i prodotti alimentari d’alta gamma importati dall’estero sono diventati sempre più apprezzati dai consumatori cinesi. Questi, va sottolineato, preferiscono acquistare beni d’importazione attraverso le piattaforme e-commerce cross-border. Secondo alcune indagini relative, Ferrero e  Dove (quest’ultimo un marchio di cioccolato che fa capo al colosso dolciario Mars) occupano il 40% del mercato cinese.

Recentemente, il colosso svizzero dei dolci Barry Callebaut ha lanciato a Shanghai il quarto tipo di cioccolato, la cioccolata rosa, di color rubino, per attirare maggiori appassionati di cioccolato. Prima di lanciare al mondo la cioccolata rosa, l’azienda svizzera aveva condotto una ricerca sul mercato, con il risultato che i consumatori cinesi riescono molto facilmente ad accettare nuovi prodotti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *