fbpx

Import in Cina: rapporto sui prodotti per animali domestici

21/07/2017

Negli ultimi anni il mercato dei prodotti per animali da compagnia ha mantenuto un ritmo di crescita molto veloce. Secondo Un rapporto rilasciato da YC, azienda di ricerca cinese, le spese per gli animali domestici nel 2016 hanno raggiunto i 122 miliardi di RMB nel mercato cinese — e continuerà a crescere fino a superare i 250 miliardi di RMB nel 2020,  grazie anche al numero sempre più alto di consumatori che acquistano vari generi di prodotti per animali da compagnia online, con acquisti diretti dall’estero.

In Cina, gli amanti di animali dedicano sempre più attenzione al loro animale da compagnia, che grazie alla diffusione dei libri e film sugli animali, sono considerati non soltanto un animale domestico ma un membro della famiglia. Sono disposti a dedicare sempre più tempo e denaro per fornire loro un’alimentazione più salutare, nutriente e con ingredienti naturali. Per questo motivo, la loro prima scelta cade sugli alimenti per animali importati dall’estero, i quali per entrare nel territorio cinese devono ottenere un permesso di registrazione rilasciato dal Ministero delle politiche agricole della Cina. Per ottenere il lasciapassare ci vogliono di norma 18 mesi, un tempo molto elevato per le aziende internazionali. Inoltre, la scarsità dei prodotti in importazione dall’estero ha dato luogo alla proliferazione dei prodotti per animali contraffatti.

Cross-border dei prodotti per animali da compagnia: parte il progetto pilota

Come riportato dalla fonte cinese Consumer Daily, per venire incontro a questo tipo di problema, il 27 marzo 2017 è stata inaugurata per la prima volta nella città di Hangzhou una zona libera per l’import, per facilitare le operazioni di ingresso nel territorio cinese dei prodotti per animali provenienti dall’estero. Si prevede una riduzione del  tempo medio di evasione delle pratiche da 18 mesi a circa 6 mesi.

Allo stesso tempo, anche i magazzini doganali per il deposito dei prodotti per animali importati dall’estero saranno sottoposti alla supervisione delle autorità competenti cinesi, per garantire la qualità ai consumatori fin dall’origine. Infatti, su ogni prodotto in uscita ci sarà un codice QR per la rintracciabilità alimentare, attraverso il quale i consumatori potranno reperire tutte le informazioni relative al prodotto acquistato, compresi i dati del produttore, gli ingredienti, le autorizzazioni rilasciate, partner e-commerce e risultati dei test rilasciati dai laboratori di prova.

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *