Intelligenza Artificiale e AGV: Cainiao pronta per la nuova edizione del “Doppio 11”

03/11/2018

Alibaba e il suo ramo logistico Cainiao sono pronti per l’edizione 2018 del “Festival dello Shopping”. Anche quest’anno la compagnia gravitante nella galassia Alibaba si occuperà della consegna di centinaia di milioni di acquisti

 

 

“Alibaba 11.11 Global Shopping Festival” – anche più formalmente chiamato “Doppio 11” – è il piú grande evento al mondo dedicato allo shopping ideato proprio dal colosso di Hangzhou. L’anno scorso, in un solo giorno, il gigante e-commerce cinese ha totalizzato 25,3 miliardi di dollari in volume di merci lorde. Un numero superiore di ben due volte la dimensione del giro d’affari del Black Friday e del Cyber ​​Monday sommati assieme.

Non si tratta solo di acquistare, gli ordini devono essere anche consegnati. Ed è qui che entra in gioco Cainiao Network. Nel 2017, la società di logistica di proprietà di Alibaba, ha consegnato 812 milioni di ordini. Un record che ha comportato non poche sfide.

 

Quest’anno, Cainiao si aspetta ancora di più. Per prepararsi alla mole di ordini che la compagnia dovrà soddisfare, Cainiao sta sviluppando una serie di iniziative supportate dall’introduzione di tecnologie avanzate, per affrontare la sfida.

 

“I clienti cercano una consegna sempre più veloce, migliore, ecco di cosa ci stiamo occupando”, ha detto il vice presidente di Cainiao Ben Wang. “Quest’anno ci stiamo impegnando per raggiungere un livello più alto, sfruttando la bellezza della scala e della tecnologia”.

Cainiao ha recentemente aperto il più grande magazzino automatizzato in Cina, nella città orientale di Wuxi, Jiangsu. Questo fa parte del primo Future Park dell’azienda, un complesso logistico gestito da applicazioni Internet of Things, big data, edge computing e intelligenza artificiale per aumentare l’efficienza nel processo di spedizione.

Alimentato dalla connettività IoT, Cainiao utilizza 700 robot dalla guida automatizzata (AGV) per evadere gli ordini. Il sistema intelligente indirizza autonomamente gli AGV a guidare, caricare e scaricare le merci, mentre in contemporanea pianifica i percorsi migliori per distribuire i pacchi ed evitare la collisione.

“I robot consentono di processare il 50% in più di ordini entro un determinato periodo di tempo rispetto a un magazzino tradizionale”, ha dichiarato Cainiao. Ad ulteriore supporto c’è anche il programma Sky Eye, un sistema di monitoraggio video basato su cloud che verrà utilizzato dai partner logistici di Cainiao per l’11.11 di quest’anno.

 

Sfruttando la tecnologia e gli algoritmi di Computer Vision, Sky Eye monitora le operazioni di magazzino per individuare eventuali nodi nel processo logistico e invia aggiornamenti ai lavoratori in modo che possano essere riparati in tempo reale.

 

Inoltre, Cainiao ha collaborato con 15 importanti corrieri espresso cinesi per raccogliere dati logistici in modo tale che manodopera e trasporto siano utilizzati in modo più efficiente nelle 200.000 stazioni di consegna adibite a supportare l’11.11.

I dati aiutano anche a massimizzare l’uso delle risorse, evitare colli di bottiglia e gestione degli inventari detenuti localmente. AliExpress, che vende beni cinesi ai consumatori all’estero, e Tmall World, la piattaforma rivolta ai consumatori cinesi che vivono all’estero, stanno assumendo un ruolo più importante per l’11.11 di quest’anno.

In attesa di un aumento delle spedizioni transfrontaliere, Cainiao ha noleggiato 51 voli per l’Europa occidentale, la Russia e il Sud-Est asiatico, oltre a circa 1.000 container marittimi destinati ai clienti di Singapore, Indonesia o Malesia e molte altre destinazioni asiatiche.

 

Continua anche la collaborazione con le autorità locali circa eventuali problemi doganali.  Cainiao ha allestito oltre 1 milione di metri quadrati di “bonded warehouses” in tutta la Cina.

 

L’utilizzo dei cosiddetti “magazzini doganali“, ovvero quei luoghi di custodia in cui è stoccata merce specifica proveniente sottoposta ad un trattamento fiscale preferenziale o addirittura senza alcuna operazione doganale, continuerà anche quest’anno. Operazione vedrà anche questa volta il supporto delle autorità locali, che non vogliono creare rallentamenti o problemi per lo smistamento delle merci.

Anzi, l’utilizzo dei magazzini doganali è salito dell’80% rispetto all’anno scorso, ha dichiarato Cainiao. Questi “bonded warehouse” saranno utilizzati per immagazzinare i beni nei magazzini più vicini ai consumatori più propensi a ordinarli, il che aiuterà a ridurre i tempi di consegna.

Il 2018 sarà anche la prima volta che le merci ordinate durante il “Doppio 11” verranno consegnate direttamente dai negozi ai clienti, tutto nel segno del New Retail. I servizi di consegna a breve distanza saranno disponibili in oltre 280 città. Alibaba è pronta ha superare i record, il colosso di Hangzhou ci riuscirà anche quest’anno?

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *