fbpx

Italian Design Day in Cina: nuovi scenari sul rapporto design-città del futuro

13/03/2019

 

Ottimo riscontro di pubblico per l’evento dedicato al design italiano di qualità a Chongqing

 

 

Il primo marzo è partita la seconda edizione dell’iniziativa che punta a fare del design e l’architettura italiana il cuore della strategia del Ministero degli Affari Esteri “Vivere All’Italiana” per promuovere il sistema produttivo e culturale Made in Italy nel mondo.

 

Cento le città coinvolte dall’Italian Design Day nel Mondo, e per L’Italian Design Day in Cina non si tratta solo di Pechino e Shanghai.

 

La tappa dell’ItalianDesignDay 2019 di Chongqing, presso il Jinshan Ecool Park, ha riscontrato un notevole successo di pubblico e prosegue in questi giorni presso lo showroom Derlook.

Dopo i discorsi ufficiali, l’Architetto Aldo Cibic, Ambasciatore del Design Italiano in Cina, ha analizzato le implicazioni sociali e ambientali del processo di innovazione tecnologica che sta trasformando gli agglomerati urbani del mondo in Smart Cities, soffermandosi sul rapporto città-campagna e sulla creazione di spazi condivisi in cui costruire e consolidare il senso di appartenenza ad una comunità.

Tematiche poi approfondite in un dibattito con il pubblico moderato dal professore di Polidesign Mauricio Cardenas. Nel seminario del professore si illustrano i principali progetti dello Studio Cardenas, soprattutto quelli legati all’uso sperimentale del bambù in un’ottica di sostenibilità ambientale e integrazione armoniosa con la natura.

 

Tra gli eventi una serie di presentazioni a cura di operatori del settore e studi di architettura italiani, ovvero: Progetto CMR, CQIC Italian Design, ITAC Deluxe Design e Studio Marco Piva.

 

Tema dell’IDD 2018 era stato il rapporto tra design e sostenibilità, un binomio fondamentale in Cina più che altrove per architetti e designer. Il rinnovato successo è dovuto alla capacità dimostrata dalla scuola italiana di tenere vivo il dialogo con il mondo accademico e coniugare l’artigianato di alto livello alla tecnologia avanzata.

Sembrano riaffermarsi anche quest’anno i valori di sostenibilità, bellezza, qualità e funzionalità riconducibili al Made in Italy e temi cardine dell’Italian Design Day luogo di confronto e dibattito sulle declinazioni economiche, ecologiche e sociali del design.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *