fbpx

JD.com lancia il programma di incubazione start-up blockchain

13/03/2018

Il secondo e-retailer cinese consente lo sviluppo di questa nuova tecnologia

 

JD.com si sta appassionando alla blockchain ultimamente, dalle iniziative per utilizzare questa tecnologia per tracciare la catena di approvvigionamento di carne importata dall’Australia, ad un’alleanza per la sicurezza alimentare intrapresa con IBM e la Tsinghua University.

Nella sua ultima mossa per integrare la blockchain in operazioni societarie, il secondo e-retailer più grande della Cina sta lanciando un programma AI Catapult Accelerator (AICA) per aiutare a sviluppare startup di blockchain di talento.

Il fortunato primo gruppo AICA comprende sei società di tecnologia blockchain tra cui CanYa, Bluzelle, Nuggets, Republic Protocol, Devery e Bankorus. Il programma di incubazione di sei mesi fornirà alle aziende consulenza di marketing, PR e generale.

CanYa, una start-up australiana scelta per il programma, è un mercato alimentato da blockchain che consente agli utenti di trovare e prenotare servizi digitali. Consente a chi ne fa utilizzo di pagare per servizi P2P utilizzando criptomoneta. L’azienda spera di essere un ponte tra criptovaluta e la più grande economia di gig.

In una dichiarazione della società, il co-fondatore e CEO di CanYa, John-Thorbjornsen, ha spiegato: “Questa è una conferma del modello di business di CanYa e del potenziale dirompente globale. JD è una delle aziende tecnologiche più significative al mondo, che permette di ricevere pieno supporto e sostegno alla nostra piattaforma e una accelerazione della diffusione della tecnologia blockchain”.

Non si tratta della prima avventura di JD.com nella tecnologia blockchain. La società ha già lanciato programmi per migliorare la sicurezza alimentare e la tracciabilità in Cina. In un’intervista di febbraio a Bitcoin Magazine, Yongli Yu, presidente di una unità di ricerca della catena di approvvigionamento di JD, ha dichiarato: “La tracciabilità di tutto il processo non è un concetto nuovo, ma blockchain lo rende davvero possibile.

In tutto il mondo, e in particolare in Cina, i consumatori desiderano sempre più sapere come vengono prodotti i loro beni di consumo e JD si dedica all’utilizzo della tecnologia per promuovere la completa trasparenza”.

Lo scorso dicembre, Walmart, JD.com, IBM e la Tsinghua University hanno lanciato una Blockchain Food Safety Alliance in Cina. Il programma intende approvare la tracciabilità della catena di approvvigionamento di prodotti alimentari in Cina, in particolare quelli importati attraverso il commercio elettronico transfrontaliero.

L’alleanza è supportata dalla piattaforma Blockchain di IBM e dalle sue competenze, dalla comprensione culturale e industriale di Tsinghua della produzione alimentare cinese e dalla vasta portata di consumatori di Walmart e JD.com per pilotare nuove tecnologie.

Mentre la tecnologia blockchain ha il potenziale per trasformare ogni settore, dall’assistenza sanitaria all’e-commerce, JD.com sta assicurando il suo posto ai vertici della catena di e-commerce, investendo bene e all’inizio della diffusione di una tecnologia che sta appena iniziando a guadagnare terreno a livello mainstream.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *