fbpx

La Cina leader mondiale nel settore dei big data

28/05/2018

 

Necessarie le leggi per proteggere i dati personali

 

 

La Cina sta correndo per diventare il leader mondiale nel settore dei big data, che dovrebbe migliorare la vita delle persone. Ma i cinesi hanno anche capito che la protezione dei dati rimane ancora una necessità da risolvere.

La Cina diventerà il più grande produttore di dati al mondo, rappresentando circa un quinto dei dati globali entro il 2020. Il Dragone accelera lo sviluppo delle risorse per integrare tecnologie informatiche all’avanguardia all’economia reale, è quanto ha riferito Chen Zhaoxiong, vice ministro dell’industria e della tecnologia dell’informazione, all’inizio del China International Big Data Industry Expo 2018.

L’evento ha avuto inizio sabato a Guiyang, capitale della provincia del Guizhou, nella Cina sudoccidentale, un sito di notizie affiliato al governo provinciale di Guizhou, lo ha riportato sul sito Gog.cn.

“Il paese ha già fatto progressi significativi nel settore dei big data, con piattaforme di big data consolidate nei settori produzione, commercio, finanza, trasporti e assistenza medica”, ha osservato.

 

Rispetto ai leader del settore, la Cina gode della sua capacità di raccogliere e gestire i dati grazie alla sua abbondanza di talenti e al sostegno del governo, ha dichiarato Xiang Yang, analista del settore CCID Consulting di Pechino.

 

La tecnologia dei big data, che si è sviluppata rapidamente in Cina negli ultimi anni, è principalmente utilizzata per migliorare la vita delle persone e aiutare il governo a prendere decisioni. È quanto spiegato da Qin An, capo dell’Istituto di China Cyberspace Strategy di Pechino, al Global Times.

Il Centro di ricerca sull’innovazione dei Big Data di Guizhou Berkeley (GBIC) ha lanciato due campagne di pubblica utilità utilizzando la tecnologia dei big data a beneficio degli oftalmologi rimasti indietro nelle aree rurali, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Xinhua.

Raccogliendo diagnosi online di 100.000 pazienti affetti da cataratta a Guizhou, il centro di ricerca ha detto che il programma triennale spera di compensare la mancanza di oftalmologi professionisti nelle contee remote e povere della provincia.

Il sistema di riconoscimento facciale ha anche aiutato l’ufficio pubblico di sicurezza locale a risolvere oltre il 90% dei casi criminali. Dopo che la città ha istituito un centro di comando per i big data, un funzionario, Huang, dell’Ufficio di pubblica sicurezza di Guiyang, ha dichiarato al Global Times: “Il sistema è anche in grado di scansionare volti e confrontarli con il proprio database di criminali sospetti.”

Du Yuejin, direttore del grande centro di ricerca sulla sicurezza dei dati di Guizhou, ha affermato che la sicurezza dei dati è a rischio in tutto il mondo. È necessario regolarla costantemente, è quanto ha spiegato il Securities Times, un giornale cinese incentrato sulle informazioni finanziarie e sui titoli.

Rispetto ai leader globali del settore, la Cina ha ancora urgentemente bisogno di leggi per regolamentare il settore dei big data. Gli operatori di dati dovrebbero essere più trasparenti sulle modalità che seguono per la raccolta, condivisione e gestione dei dati, per dissipare le preoccupazioni pubbliche sulla privacy.

 

Il governo attua norme rigorose per proteggere la privacy. Solo i dipendenti di un certo livello sono autorizzati ad accedere ai dati, quindi questi operatori di dati privati ​​dovrebbero essere più cauti, ha osservato Xiang.

 

La polizia cinese ha arrestato oltre 11.000 sospetti di oltre 3.700 casi negli ultimi due anni, per presunto abuso di informazioni personali, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Xinhua a dicembre.

Nei prossimi tre anni, la Cina dovrebbe elaborare una legge per proteggere i dati personali e i diritti legali degli utenti. Ci si aspetta che le nuove leggi chiariscano l’uso legittimo dei big data e i crimini informatici, ha detto Zhu Wei, professore all’Università di Scienze Politiche e Diritto cinese a Pechino.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *