fbpx

La Cina è il miglior mercato per gli investitori

01/10/2019

 

Secondo il rapporto eFront, la Cina è il mercato più performante per i rendimenti del capitale di rischio

 

 

Per coloro che investono, la Cina è il luogo in cui i guadagni sono i più sicuri. Secondo il nuovo rapporto eFront, infatti, lo scorso anno la Cina ha superato gli Stati Uniti come il mercato più performante per i rendimenti dei capitali di rischio.

eFront – che è un fornitore di software per servizi finanziari di proprietà di Black Rock – ha affermato nel suo nuovo rapporto che la Cina, offrendo un valore di pagamento totale (TVPI) di 1,72 volte, è il mercato dei capitali a rischio più performante a livello globale.

Tarek Chouman, amministratore delegato di eFront, ha commentato: “Gran parte di quel valore non è realizzato. L’immaturità del mercato cinese significa che gran parte di questo valore in realtà non è provato“.

 

 

Il valore TVPI misura il capitale investito in relazione all’importo totale del capitale versato nel fondo

 

 

Secondo il rapporto, che ha analizzato i dati provenienti da 4.000 fondi a livello globale, gli Stati Uniti sono ancora il mercato di acquisizione con leva più maturo al mondo e con un TVPI di 1,63 volte. Se poi si analizza il tasso interno di rendimento, gli Stati Uniti hanno avuto un leggero vantaggio sulla Cina.

Tuttavia, questi risultati devono essere presi in considerazione quando arrivano dopo un periodo in cui il flusso di affari, con tensioni commerciali e secondo i dati di Refinitiv, è sceso del 10,3% a livello globale a $ 2,82 trilioni nei primi nove mesi dell’anno.

Il declino del flusso di affari si è verificato quando gli Stati Uniti e la Cina sono rimasti bloccati in una guerra commerciale e l’incertezza sulla politica commerciale, sullo sfondo del rallentamento delle due potenze economiche, ha pesato sul sentimento degli affari ed ha obbligato alcune società a ritardare i futuri investimenti.

 

 

Le società tecnologiche cinesi hanno subito il maggiore rallentamento degli investimenti esterni

 

 

David Cho, un partner dello studio legale Dechert di Hong Kong, ha commentato: “C’è stato sicuramente un rallentamento riguardo alle fusioni e acquisizioni in uscita dalla Cina. Le società cinesi sono riluttanti ad andare negli Stati Uniti e l’incertezza generale sull’economia sta influenzando anche la loro incursione in altri mercati, estendendosi oltre gli Stati Uniti“.

gli investimenti dagli Stati Uniti in Cina stanno diminuendo, ha detto Cho, con il flusso di affari e la raccolta di fondi in diminuzione.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *