fbpx

La Cina tutela la fauna tramite rilevamento 3D

11/06/2019

 

In un sito patrimonio dell’UNESCO, l’area dei tre fiumi paralleli dello Yunnan, la ricerca cinese permette di difendere la biodiversità

 

 

I ricercatori cinesi si stanno servendo di una nuova tecnologia 3D per raccogliere i risultati degli studi allo scopo di conservare e monitorare la biodiversità dell’Area protetta dei tre fiumi paralleli dello Yunnan. Si tratta di un sito di patrimonio mondiale dell’UNESCO che si trova nel sud-ovest della Cina.

Xiao Wen, responsabile dell’Istituto di ricerca sulla biodiversità dell’Himalaya orientale all’Università di Dali, ha dichiarato che il nuovo metodo, denominato “3D-map-based interview survey”, una indagine basata su mappe tridimensionali, è uno strumento efficace per la raccolta su vaste aree delle conoscenze locali di tipo biologico.

 

L’indagine di studio sulle mappe viene seguita da indagini sul campo e analisi dei dati raccolti.

 

Basandosi su immagini satellitari 3D su cui è possibile visualizzare informazioni del terreno, gli intervistati hanno individuato e comunicato il posizionamento di animali selvatici rari da loro osservati, consentendo così di registrare dati dinamici riguardo la loro distribuzione, spostamento e popolazione.

I ricercatori hanno quindi fatto previsioni e valutazioni sugli habitat delle specie in via di estinzione utilizzando il telerilevamento e fornendo consigli e misure di protezione. Dal 2016 sono stati condotti più di 30 grandi progetti di ricerca nell’Area protetta dei tre fiumi paralleli dello Yunnan.

 

Le ricerche hanno permesso di monitorare e proteggere gli animali selvatici locali, tra cui il rinopiteco di Stryker, il rinopiteco bruno, il leopardo delle nevi e il takin mishmi.

 

Con una superficie di 1,7 milioni di ettari, l’Area protetta dei tre fiumi paralleli dello Yunnan comprende parte dei corsi superiori originati nell’altopiano del Qinghai-Tibet, i fiumi Jinsha (ramo del fiume Azzurro), il Mekong e il Saluen, corsi d’acqua che corrono quasi in parallelo.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *