fbpx

La Cina vuole sempre più prodotti dall’estero: i dati del 2° trimestre 2017

30/08/2017

Le vendite al dettaglio online dei prodotti importati continuano a crescere: nel 2° trimestre del 2017 hanno raggiunto i 93,82 miliardi RMB (intorno agli 11,9 miliardi di euro), registrando un incremento del +17,6% rispetto al trimestre precedente (dati riportati da Xinhua).

I risultati più sorprendenti sono le vendite del cross-border registrate durante il Festival dello Shopping del 18 Giugno. Le transazioni eseguite su TMall International durante questa giornata hanno superato le centinaia di milioni in soli 7 minuti, raggiungendo una crescita del 500%. Sulla piattaforma JD invece, il numero degli utenti che hanno partecipato al Festival dello Shopping è stato il doppio di quello registrato l’anno scorso durante lo stesso periodo; anche la spesa eseguita dai singoli acquirenti ha avuto un aumento del 30% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. La classifica delle piattaforme di cross-border e-commerce è così rimasta invariata, con TMall International che detiene la maggior quota del mercato, il 22,3%, seguito a ruota da JD Worldwide, con il 18%, ed in terza posizione Kaola Global con il 17,5%.

I dati demografici: il pubblico femminile è il più importante per il cross-border

Secondo i dati di monitoraggio rilevati dall’azienda di ricerca di mercato cinese analysys.cn, gli utenti della fascia d’età compresa tra i 24 e 40 anni rappresentano i principali consumatori dei prodotti che arrivano dall’estero. Inoltre è stato rilevato che le donne rappresentano l’80% dei consumatori che acquistano prodotti tramite l’e-commerce cross-border, ed il 66% dei consumatori che acquistano prodotti online in generale.

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *