fbpx

La moda di lusso in Cina è ancora straniera: dall’abbigliamento agli hotel

20/03/2018

Per quale ragione e come esportare i brand di moda di lusso in Cina?

 

Per le strade del centro alla moda di Shanghai, girano tutti i tipi di brand di moda di lusso. Facile trovare una donna che indossa l’ultimo modello di borsa Givenchy o una ragazza con il vestito della nuova collezione di Gucci. Ci si imbatte facilmente in noti marchi di lusso del mondo della moda.

Notevole è che tutti questi capi di abbigliamento sono importati da paesi d’oltremare. Per quanto si stia cercando di rilanciare il Made in China come concetto di qualità, i brand di lusso nazionali semplicemente non possono ancora competere nel mercato della moda di lusso, in questo settore i consumatori cinesi preferiscono optare per marchi stranieri. Sono convinti che sia di qualità migliore, questa è una delle loro principali motivazioni.

La popolazione cinese diventa sempre più giovane e ricca in questo periodo di crescita economica, il numero di consumatori-spendaccioni aumenta rapidamente. Questo significa anche che la domanda di articoli di lusso sta crescendo. Di conseguenza, nuovi brand ora sono disposti ad entrare nel mercato di lusso della Cina.

 

Consumatori cinesi del lusso: da quali motivazioni e bisogni sono spinti

 

Le strade di Huangpu Road a Shanghai e la Cina continentale in generale si presentano come fulcri di questa tendenza allo status symbol: una bella casa, un’auto costosa o abbigliamento di moda di lusso di firme straniere. Dimostrare di avere abbastanza reddito disponibile è quasi un imperativo. Uno di quelli sicuramente anche in parte presente nella cultura occidentale, ma mai quanto attualmente in Cina.

Questo fenomeno prender il nome di “Conspicuous consumption”, secondo il quale la necessità di acquistare beni non corrisponde ad un reale bisogno ma solo al desiderio di possederlo e dimostrarlo agli altri. Spendere il proprio reddito in beni di lusso significa dimostrare alla società il proprio successo. La Cina è il principale acquirente di beni di lusso di tutto il mondo, mossa da questa principale motivazione.

 

Mercato della moda di lusso: Per quale motivo i consumatori cinesi sono così ben disposti ad acquistare online?

 

Fino a poco più di 10 anni fa, non avremmo potuto immaginare le proporzioni di sviluppo e le risorse che il web e lo shopping online ci hanno riservato. Il mercato dell’e-commerce in Cina sta crescendo rapidamente e si prevede che si espanderà ancora di più. Nel 2017 si è avvicinato al trilione di dollari stando a Chinadaily.

Anche i brand di moda di lusso sono molto venduti online. I consumatori cinesi sono in generale molto propensi agli acquisti su e-commerce.

Il motivo più importante per cui i consumatori cinesi acquistano così tanto online, è che richiede meno tempo. Recarsi al negozio richiede molto tempo e lo shopping può durare quasi un giorno intero. Lo shopping online è diventato una vera tendenza nella Cina continentale.

Dall’acquisto di un regalo, un capo di abbigliamento o la spesa, tutto è possibile tramite uno smartphone e pochi click. E sono in molti ad acquistare moda di lusso online. Come risultato, il fenomeno del commercio O2O (Online to Offline) è  diffuso. Si verifica quando vai al negozio per la prima volta e vedi un oggetto che comprerai più tardi online, magari comparando online i prezzi, cercando quello migliore per lo stesso prodotto.

Il commercio di O2O avviene frequentemente con marchi di moda di lusso o altri beni costosi, perché magari i consumatori cinesi vedono il prodotto nel negozio fisico prima di cercarlo online. Rispetto agli europei, questo atteggiamento rientra nella routine di un gran numero di utenti. Gli europei si servono molto più facilmente dello shopping online quando non riescono a trovare un prodotto nei negozi.

Il mercato online in Europa è un settore sicuramente anche in costante crescita ma non allo stesso modo e con lo stesso approccio della Cina continentale.

 

Quali sono le piattaforme di e-commerce più diffuse per la vendita del lusso e l’importanza dei social media come Wechat

 

Tmall e JD.com del gigante dell’e-commerce Alibaba stanno dominando il mercato cinese. Tmall, ad esempio, ha fondato il Luxury Pavilion, una piattaforma speciale in cui ci sono solo marchi di moda di lusso esclusivi per i clienti fedeli. Sono presenti firme della moda come Burberry, Hugo Boss e Estée Lauder.

Per entrare nel mercato della moda di lusso, è necessario prima di tutto creare la consapevolezza del marchio con il proprio target. Prima che i consumatori cinesi comprino dei beni di lusso, devono sapere che quella firma specifica esiste.

Essere attivi sui social media è un must, anche per i brand di moda di lusso. In Cina, dove non si usano Facebook, Twitter o Instagram ad aiutare nella creazione dell’identità del brand c’è WeChat.

La piattaforma con oltre 900 milioni di utenti attivi è utilizzata principalmente in Cina. Qui è possibile inviare messaggi a clienti potenziali ed esistenti, interagendo con loro e quindi fornendo un buon servizio clienti.

Essere attivi su WeChat può essere il primo passo nel mercato della moda di lusso cinese. Ad esempio, il brand di moda di alta gamma Céline ha già creato un account su WeChat e lo ha utilizzato per la sua campagna prêt-à-porter a novembre 2017. Altri marchi come Coach, Bulgari e Burberry Regno si sono uniti alla piattaforma social.

C’è anche in Cina la tendenza da parte dei brand del lusso a trovare trendsetter e influencer per promuoversi. Possono essere attori, cantanti, celebrità dei social con molti fan che li sostengono.

 

Il mercato dei fashion Hotel in Cina: prenotazioni e promozione avvengono tramite il web e i social cinesi

 

8 utenti cinesi su 10 sono online tramite smartphone. Gli acquisti sono quindi effettuati in gran parte così, inclusi quelli che riguardano la prenotazione degli alberghi. Il settore del lusso interessa anche l’hospitality, Il 91% dei cinesi prenota online una camera lussuosa. Di questi, 3 su 10 usano il telefono cellulare per farlo.

L’hotel Shangri-la che ha più di 50 strutture in tutta la Cina, ha un sito web particolarmente reattivo. Può passare dalla lingua inglese al cinese semplificato o tradizionale. Indicizzato su Baidu, il principale motore di ricerca, richiede un algoritmo diverso da quello di Google, perciò spesso questi hotel si servono di siti diversi a seconda che il paese di riferimento sia la Cina o un altro.

Secondo un rapporto di hotels.com, gli ospiti cinesi di solito prenotano sui siti web delle agenzie di viaggio online e poi sui siti web ufficiali degli hotel. Guardando ai dati più dettagliatamente, i principali siti Web che i clienti cinesi utilizzano per prenotare un hotel di lusso sonole agenzie di viaggio Ctrip e Qunar e i siti web ufficiali degli hotel.

Uno studio interessante di Brand Karma e International Luxury Travel Market ha rilevato che circa la metà delle recensioni globali totali lasciate dai turisti negli hotel di lusso del mondo sono scritte dai cinesi. Molto usate, anche in questo specifico settore, le piattaforme di social media come WeChat, Weibo, QQ, Qzone e Ren.

Four Seasons, una catena di hotel di lusso a marchio straniero, ha lanciato il suo microsito di lifestyle in Cina tramite il suo account Weibo già nel 2011.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *