La provincia dello Shandong si apre sempre di più al mercato internazionale

04/10/2018

 

La sua propensione al libero commercio alimenta una politica di apertura orientata al raggiungimento di nuovi livelli di sviluppo. Centrale il suo ruolo nella BRI con il porto di Qiungdao

 

 

Una delle prime province costiere della Cina che ha attuato le politiche di apertura, lo Shandong, ha sempre avuto un atteggiamento aperto e vantaggioso di accoglienza nei confronti del mondo negli ultimi quarant’anni, stando anche a quanto dichiarato dai funzionari locali.

La provincia dello Shandong ha stabilito 457 relazioni tra consociate straniere e collaborazioni amichevoli e ha ampliato la comunicazione e cooperazione all’estero nei settori della politica, dell’economia, della cultura, dell’istruzione, della tecnologia e dello sport.

 

Si tratta della provincia nella Cina orientale che ha visto un aumento dei commerci verso e dall’estero anno dopo anno. Le sue importazioni e esportazioni di merci hanno raggiunto 1,78 trilioni di yuan ($ 259,47 miliardi) nel 2017. Paragonandolo alle cifre del 1978, si tratta di un importo 1.215 volte superiore.

 

Lo Shandong guida la spinta della Cina verso nuove direzioni di crescita. Gli investimenti esteri sono diventati una parte importante dell’economia della provincia. Il suo capitale straniero effettivamente utilizzato nel 2017, secondo l’Ufficio Nazionale di Statistica, è stato di 121.05 miliardi di yuan.

La provincia si è anche attivamente integrata nell’iniziativa Belt and Road negli ultimi anni. Funzionari locali hanno affermato che le regioni coinvolte nell’iniziativa sono diventate mete d’investimento per le attività commerciali di Shandong.

L’area ha investito 10,06 miliardi di yuan nei paesi coinvolti nell’iniziativa lo scorso anno. Nove città nello Shandong offrono servizi ferroviari che collegano l’Asia all’Europa.

Tra le 20 aree di cooperazione economica e commerciale all’estero riconosciute dai ministeri del commercio e della finanza, quattro sono sostenute dalle imprese dello Shandong, le quali si trovano tutte in paesi coinvolti nell’iniziativa.

 

Lo sviluppo delle aree le renderà piattaforme importanti per la cooperazione tra lo Shandong e le regioni coinvolte nell’iniziativa, hanno spiegato i funzionari locali.

 

La cooperazione tra le società con sede nello Shandong e altre regioni che prendono parte all’iniziativa avviene principalmente in settori come pneumatici in gomma, tessile e abbigliamento, attrezzature meccaniche ed elettrodomestici.

Il 18esimo vertice dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO) si è svolto a Qingdao, capoluogo dello Shandong, a giugno. Più di 2000 ospiti stranieri si sono registrati per partecipare all’evento e più di 3.000 giornalisti nazionali e stranieri hanno parlato dell’evento, stando a quanto riferito dall’agenzia di stampa Xinhua.

Negli ultimi anni lo Shandong ha stretto una cooperazione più stretta con i membri della SCO. Le esportazioni e le importazioni con questi ammontavano a 118,6 miliardi di yuan l’anno scorso e la provincia ha utilizzato capitali per 1,25 miliardi di yuan, principalmente provenienti dalla Russia e dall’India.

Le importazioni e le esportazioni dello Shandong con i membri della SCO hanno raggiunto 28.72 miliardi di yuan nel primo trimestre del 2018 e hanno investito 30 milioni di yuan nei membri. Shandong ha promosso diversi progetti di cooperazione attraverso le aree di cooperazione economica e commerciale all’estero.

Il colosso mondiale degli elettrodomestici Haier, che a Qingdao ha il suo quartier generale, assieme ad un’azienda pachistana ha costruito una zona economica in Pakistan, la prima zona di cooperazione economica e commerciale all’estero a livello nazionale.

 

La zona ha attratto investimenti per 110 milioni di dollari e sette società hanno offerto più di 3.000 posti di lavoro a livello locale.

 

She Chunming, direttrice del dipartimento commerciale di Shandong, ha affermato che la cooperazione commerciale tra la provincia e i paesi SCO si è approfondita principalmente perché l’economia bilaterale è diventata più complementare.

La Russia con cinque paesi dell’Asia centrale rappresentano le principali aree di produzione delle risorse mondiali di petrolio e gas, mentre lo Shandong ha un fabbisogno crescente di materie prime energetiche come il petrolio greggio e il gas naturale e diventa un importante mercato di vendita per le merci.

La cooperazione energetica è diventata un fattore importante per promuovere i partenariati commerciali tra Shandong e i membri della SCO, hanno dichiarato i funzionari locali. Le aziende iscritte nella prestigiosa Fortune Global 500 rappresentano anche un elemento importante per lo Shandong per aumentare il commercio estero.

Zhang Weike, vice capo del dipartimento commerciale di Shandong, ha dichiarato: “Evidenziare la proficua cooperazione con le aziende Fortune Global 500 – tra cui quest’anno troviamo anche alcuni nomi cinesi – non sta solo attirando numerosi progetti e investimenti stranieri. L’obiettivo più importante è quello di introdurre i concetti, le tecnologie e i modelli di gestione più avanzati del mondo”.

 

Shandong ha dato il benvenuto al suo primo compagno “Fortune Global” il gruppo tedesco Henkel, nel 1987, e da allora 213 altri hanno creato 726 aziende nella provincia fino a luglio di quest’anno.

 

Il loro investimento è arrivato in 17 città nello Shandong, promuovendo industrie come i treni ad alta velocità, la costruzione di navi e la tecnologia dell’informazione.

La provincia prevede di accelerare la collaborazione con le aziende Fortune Global 500 nei prossimi tre anni, con ognuna delle 10 migliori industrie che mirano ad avere 10 progetti di cooperazione con le aziende.

Attenti osservatori internazionali si vanno concentrando sempre più sulle cosiddette città emergenti. Le second-tier cities sono municipalità al di fuori dalla categoria di quelle solitamente destinatarie dei flussi di investimento che hanno caratterizzato lo sviluppo della Cina negli ultimi decenni, ma che ora offrono grandi opportunità di business.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *