fbpx

La provincia di Fujian punta all’industria delle crociere

20/07/2019

 

Il settore delle crociere nella provincia orientale della Cina mira all’espansione

 

 

Il porto di Xiamen International Cruise Home nella provincia del Fujian, in Cina orientale, ha registrato un numero record di passeggeri che transitano nel primo dell’anno: 185.000. Si tratta di un aumento del 36% su base annua.

 

La superstar Gemini, gestita dal socio di Xiamen, Star Cruises, è attraccata al terminal internazionale crociere del porto di Dongdu per la sua 17a operazione da maggio.

 

Avendo ospitato oltre 3.500 passeggeri quest’anno, si prevedono 70 operazioni, che segnano così la sua stagione di crociera più lunga della storia. “Abbiamo assistito ad un boom del tour in crociera quest’anno grazie al fatto di aver programmato una crociera di stagione per la Festa di Primavera e riaperto a maggio i servizi di crociera per Taiwan.

“Nel frattempo il percorso della Belt and Road sta diventando popolare tra i turisti grazie al vantaggio geografico del nostro porto”, ha dichiarato Yang Lili, vice direttore generale di Xiamen International Cruise Home Port.

 

All’inizio di aprile è stata completata la ricostruzione degli ormeggi di Xiamen International Cruises.

 

La lunghezza totale è di oltre 1.400 metri, tra cui una capienza di barche da 150.000 tonnellate, da 80.000 tonnellate e 3.000 tonnellate che possono ospitare contemporaneamente tre o quattro navi da crociera di medie e grandi dimensioni, inclusa la più grande nave da crociera del mondo da 225.000 tonnellate.

“Dopo la ricostruzione, l’intero servizio crocieristico è stato notevolmente migliorato. La prima nave da crociera finanziata dalla Cina, Gulangyu, entrerà in servizio a settembre. “Una nave da 130.000 tonnellate di nome Glory sarà messa in funzione a Xiamen, segnando una nuova area di crociere giganti”, ha detto Yang Lili.

Il governo provinciale ha anche lanciato un programma a maggio per stimolare lo sviluppo delle navi da crociera entro il 2035, con l’obiettivo di stabilire un layout preliminare di porti e linee di navigazione. Si spera che la mossa fornisca anche di un sistema di emergenza sostenibile, sicuro e affidabile.

TI POTREBBE INTERESSARE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *