fbpx

WeChat sarà la carta d’identità del futuro in Cina

27/12/2017

 

Non solo soldi, Tencent si prepara a rilasciare carte d’identità telematiche tramite la sua app

 

Bisogna prendere un aereo e mostrare la nostra carta d’identità? In Cina basterà aprire il telefono.  Guangzhou, capoluogo della Provincia del Guangdong, sta guidando la tanto necessaria rivoluzione della burocrazia cinese con il governo locale che annuncia che presto consentirà ai cittadini di identificarsi attraverso l’app più diffusa del paese, WeChat. I cittadini cinesi potranno lasciare a casa le proprie carte d’identità e utilizzare la personale carta d’identità WeChat per servizi governativi online e offline, registrazioni alberghiere, servizi di consegna, emissione di biglietti e altri contesti che richiedono un’autenticazione del nome reale.

Il programma pilota di WeChat ID è stato lanciato ieri nel distretto di Nansha a Guangzhou, secondo l’agenzia di stampa cinese Xinhua. Il servizio sarà sperimentato nel Guangdong e sarà lanciato in tutto il paese da gennaio 2018. Il progetto della carta d’identità WeChat mira a prevenire la falsificazione dell’identità online; supportato dall’Istituto di ricerca del Ministero della pubblica sicurezza e da altri enti governativi in ​​collaborazione con il team WeChat di Tencent.

Guangzhou ha sperimentato l’utilizzo di WeChat in altri servizi pubblici. L’Intermediate People’s Court (un secondo livello di corte giuridica in Cina) di Guangzhou ha lanciato la sua mini app sulla piattaforma cinese di WeChat per aiutare i cittadini ad accedere alle informazioni sui casi, ai documenti e ad altre informazioni pertinenti. Al fine di proteggere i dati e la privacy delle parti coinvolte, la mini app richiede il riconoscimento facciale e vocale.

La carta d’identità di WeChat può essere ottenuta in due modi. La “versione leggera” è adatta per i casi in cui i cittadini devono solo dimostrare di essere chi dicono di loro, ad esempio quando utilizzano la connessione Internet in un café. La “versione aggiornata” è pensata per coprire scenari in cui è richiesta un tipo di autenticazione più affidabile, come la registrazione aziendale. Ci saranno tuttavia delle restrizioni per chi proviene da alcune aree sensibili come il Xinjiang.

Nella prima versione, gli utenti possono cercare mini app WeChat per l’app “Certificato di rete” e scansionare i propri volti per ricevere riconoscimento della loro carta d’identità. La seconda versione richiederà l’accesso a un terminale protetto tramite l’app Weijing Authentication sviluppata dal corpo di polizia locale del distretto di Nansha a Guangzhou. L’app verificherà automaticamente le informazioni degli utenti e l’autenticità delle loro carte d’identità attraverso il proprio sistema di AI, secondo quanto riferito dai media locali.

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *