fbpx

Nasce una città italiana in Cina: la HB Italia Town a Changsha

04/10/2018

Nel polo produttivo dello Hunan è appena nata una città nella città che riproduce l’Italia e ne riporta cultura e stili di vita e di consumo

 

 

Dall’incontro tra una importante società cinematografica di intrattenimento cinese e la creatività degli italiani è nata, a Changsha, capitale dello Hunan, una città italiana nella città cinese. Il merito va a chi, con lungimiranza, costanza e coraggio ha creduto nel progetto coinvolgendo altri italiani ad imbarcarsi in un sogno che è diventato realtà.

 

Sono trascorsi tre anni da quando sulla tovaglietta di un bar è stata disegnata la piantina del borgo italiano che si è costruito in Cina. Avrebbe potuto restare una fantasia nata da un bicchiere di vino di troppo in una notte di provincia, ma così non è stato.

 

Il Gruppo Huayi Brothers Media Corporation (HB), il più importante conglomerato cinese operante nel settore del cinema, televisione, media ed entertainment, fondato nel 1994 a Pechino dai fratelli Wang Zhongjun and Wang Zhonglei, ha avviato nel 2015 un progetto di investimento su larga scala nel settore dei parchi tematici.

È così che è partito il progetto per la realizzazione di 21 città del cinema in altrettante città cinesi. La prima di queste “città del cinema” è proprio quella dedicata all’Italia e realizzata a Changsha.

 

 

Si tratta della riproduzione di un borgo italiano in scala reale, con tanto di alberghi, ristoranti, negozi, cinema, teatri, e ricostruzioni di edifici storici italiani.

 

La città italiana in Cina ospita 45 attività commerciali, di cui 24 direttamente gestite da ben 40 italiani. Per il primo evento artistico, dall’ 1 al 7 ottobre, realizzato in collaborazione con il noto festival di musica Umbria Jazz, sono stati già venduti 70.000 biglietti.

Come dice chi ha già visitato questo posto speciale, citando le parole riportate sul comunicato stampa ufficiale, sembra essere “una porta del tempo, sembra mettere in comunicazione due mondi”, “un luogo per lo shopping, per la buona cucina, per scattare foto e ammirare una chiesa, concerti jazz lungo le vie e amici che chiacchierano seduti al tavolino di un bar”.

L’atmosfera pare riprodurre fedelmente quella italiana, per farsi promotrice di un brand, il Made in Italy, che non può che essere protagonista indiscusso di tutta questa nuova realtà esistente.

 

La programmazione degli eventi dell’HB Italian Town a Changsha è in continuo aggiornamento, e, stando al comunicato stampa ufficiale, gli organizzatori sono continuamente disposti a valutare proposte dall’Italia.

 

Posizionata al centro dei distretti urbani di Changsha, Xiangtan e Zhuzhou, con un bacino demografico nelle immediate vicinanze di circa 30 milioni di persone, rappresenta una risorsa per l’imprenditorialità italiana.

Per il primo anno, sono già state programmate oltre 200 attività culturali dedicate alla promozione dell’Italia, oltre ai festival musicali performance artistiche, mostre, eventi dedicati alla cucina e al cinema italiano.

La HB Italian Town di Changsha è il principale progetto culturale e turistico dedicato all’Italia in quest’area della Cina, con interessanti prospettive di business per le aziende italiane dei settori del food & beverage, della moda, design, arredamento, ristorazione e cultura. L’Italia si apre finalmente al mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *